Sciopero di 72 ore dei lavoratori portuali dal 3 maggio in tutta la Sicilia

Si fermeranno per 72 ore i circa 500 lavoratori portuali di tutta la Sicilia dalla mezzanotte del prossimo 3 maggio a sabato 5. A proclamare l’astensione dei lavoratori che si occupano delle operazioni portuali, sono i sindacati di categoria Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti nell’ambito della vertenza sulla cosiddetta autoproduzione, la scelta di alcuni armatori di gestire in proprio le attività portuali, operazioni di carico e scarico, che sono di competenza delle società che operano all’interno degli scali. Intanto hanno preso il via, già stamani e sono in corso, i sit in tutti i porti.

Lo stato di agitazione era stato proclamato lo scorso 27 marzo, ma a portare allo sciopero di 72 ore, che causerà molti disagi in tutti gli scali siciliani, è stata la decisione annunciata dalla Caronte & Tourist che ha comunicato all’Autorità portuale di Messina e all’impresa portuale di Milazzo la volontà di agire in regime di autoproduzione a partire da subito.

“La stessa Autorità portuale di Messina – commentano i tre segretari regionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti Sicilia, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga – ci ha fatto sapere che allo stato attuale la Caronte non dispone di alcuna autorizzazione ad agire in autoproduzione. Si tratta quindi dell’ennesimo attacco illegittimo non solo al lavoro portuale ma all’intero sistema economico regionale, che si regge su sottili equilibri garantiti, prima di tutto, dall’efficienza dei porti assicurata da questi lavoratori. La decisione peraltro non tiene alcun conto delle nostre richieste e della convocazione sulla vertenza attesa dalla Presidenza della Regione”.

Da anni le compagnie armatoriali usano proprio l’autoproduzione come strumento di ricatto per ottenere ribassi sui servizi – aggiungono Spanò, Benigno e Falanga – un atteggiamento scorretto se si considerano i capitolati d’appalto milionari dove si prevedono anche i costi operativi di questi servizi. Non possiamo tollerare il comportamento provocatorio e disfattista della Caronte, che in assenza di un controllo, ritiene di poter agire non rispettando le normative”, concludono i sindacati.

Sexy bike wash in piazza ad Avola: polemica in paese

Si chiama sexy bike wash, un'esibizione di uomini e donne in costume che con movenze ammiccanti lavano con tanto di schiuma motociclette o automobili. Ed eè stato proprio una spettacolo del genere che dopo la sfilata della banda musicale ad ...
Leggi Tutto

La Cisl con i suoi giovani al corteo in memoria di Falcone

Parteciperanno con il loro striscione alle iniziative per il 26esimo anniversario della strage di Capaci, mercoledì 23 maggio, i ragazzi del Coordinamento Giovani della Cisl Palermo Trapani. In particolare i giovani del sindacato partiranno in corteo da via D’Amelio alle ...
Leggi Tutto

Mafia e onore, mito senza verità: al teatro Rivoli di Mazara del Vallo da mercoledì 23 maggio la pièce “Come Fratelli”

Mercoledì 23 Maggio debutta alle ore 21,30 presso il teatro Rivoli di Mazara del Vallo andrà in scena la pièce teatrale “Come Fratelli”  con la regia di Piero Indelicato. “ Come fratelli”,  atto unico di Giovanni Libeccio,  evidenzia di come la ...
Leggi Tutto
Il giovane scrittore palermitano Emanuele Fardella con il suo romanzo Insider. Dentro la setta ha vinto il “Premio Miglior Trama” alla quarta edizione degli Holmes Awards

Lo scrittore palermitano Emanuele Fardella tra i vincitori degli “Holmes Awards 2018”

Il giovane scrittore palermitano Emanuele Fardella con il suo romanzo Insider. Dentro la setta (Edizioni Leima), ha vinto il “Premio Miglior Trama” alla quarta edizione degli Holmes Awards, il concorso nazionale per i romanzi editi di genere thriller, noir, horror o ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest