Ghigliottina Regione

La politica dei tagli colpisce in ogni direzione, dall’Irfis alle isole minori. Colpo di scure anche per il trasporto pubblico e per il diritto allo studio.

Non solo ex Pip. Tra i capitoli di bilancio che il governo intende tagliare nel prossimo triennio, è una vera e propria ecatombe per tantissimi settori della pubblica amministrazione. Dal capitolo destinato ai contributi per l’attività di ricerca e microelettronica, che potrà contare su 150mila euro in meno quest’anno e 262 mila euro in meno nel 2019, al capitolo destinato all’incremento del patrimonio Irfis: 1,5 milioni in meno nel 2018, 5 milioni in meno nel 2019, sei milioni in meno nel 2020. Tagli anche sugli oneri di garanzia a Sicilacque: quasi due milioni in meno quest’anno e un taglio di oltre tre milioni previsto per il 2019. Fortemente ridimensionati anche i contributi per le nuove assunzioni rivolti alle imprese che si occupano di microelettronica: 600mila euro in meno quest’anno, via un milione nel 2019.

È una Finanziaria che si preannuncia di lacrime e sangue, quella messa nero su bianco nelle tabelle B e C al maxiemendamento presentato dal governo guidato da Nello Musumeci. Calano anche i contributi alle Isole Minori per il trasporto rifiuti: 900mila euro in meno quest’anno e 1,5 milioni nel 2019.

Tracollo per i contributi erogati dalla Regione e destinati al servizio di trasporto pubblico locale: meno 23,5 milioni quest’anno e una previsione di tagli futuri da capogiro, oltre 41 milioni di euro in meno rispettivamente per il 2019 e il 2020.

Ai quali si aggiungono i tagli al capitolo sul pagamento dell’Iva per il trasporto regionale: meno 1,6 milioni nel 2018 e quasi tre milioni l’anno in meno nei successivi due anni. Anche il fondo per il personale Eas in liquidazione subisce una sforbiciata di un milione nel 2018 e 1,7 milioni ciascuno nei due anni seguenti. E ancora, i fondi per il demanio idrico vengono ridotti di 2,2 milioni, mentre il personale Ersu potrà contare su 375mila euro in meno nel 2018 e 700mila euro in meno nel 2019 e nel 2020.

Un bilancio che il primo inquilino di Palazzo d’Orleans, Nello Musumeci, non ha esitato a definire “ingessato e impossibile”. Musumeci promette che cercherà di fare il possibile per trovare una soluzione quanto più condivisa ai tagli. Ma avverte anche: “si sappia che la spesa pubblica non può più essere il pozzo senza fondo, ormai siamo arrivati al collasso”.

Kaos, fratelli Taviani

Sicilia Queer filmfest al “Festival International du Film Insulaire de Groix”

Il Sicilia Queer filmfest è il festival selezionato per rappresentare la Sicilia durante la 18esima edizione del Festival International du Film Insulaire de Groix (22 – 26 agosto 2018) Ancora un appuntamento internazionale per il Sicilia Queer filmfest: il direttore ...
Leggi Tutto
Giuseppe Lupo e Nadia La Malfa

Convolati a nozze nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo il politico Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa

Nozze principesche tra il il presidente del gruppo parlamentare del PD all'Ars Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa, che sono convolati a nozze, pronunciando il loro si nella suggestiva chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo davanti ...
Leggi Tutto
Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto