Facebook, il permesso dei genitori servirà fino a 15 anni

Facebook in versione limitata fino a 15 anni. “In alcuni Paesi europei, le persone di età compresa tra i 13 e i 15 anni avranno bisogno del permesso di un genitore, o tutore, per compiere azioni specifiche su Facebook“. Questo è quanto si legge su un comunicato ufficiale da parte della società, capitanata da Mark Zuckerberg, in adeguamento al Gdpr (General Data Protection Regulation), il regolamento Europeo sulla privacy, dopo lo scandalo datagate di qualche settimana fa.

In base a questo nuovo regolamento, i ragazzini potranno visualizzare o compiere azioni specifiche solo ed esclusivamente attraverso l’autorizzazione di un genitore, o tutore, in modo da non avere una visione del social network meno personalizzata con una condivisione limitata di contenuti.

L’azienda spiega che, nelle ultime settimane, ha annunciato diversi strumenti da utilizzare per ottenere un maggiore controllo sulla loro privacy in base al Gdpr Europeo: agli utenti sarà chiesto, indipendentemente da dove risiedono, di rivedere le informazioni condivise sul social network, come quelle attualmente sul profilo personale (orientamento politico, religioso e sessuale), e se vorranno che esse continuino ad essere pubbliche e accessibili da parte di Facebook. Il network di Menlo Park assicura che stanno lavorando per rendendo più facile alle persone la cancellazione di queste informazioni, nel caso in cui non vogliano più condividerle.