Comuni termali, la legge siciliana sul cambio nome impugnata dal CdM

Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Paolo Gentiloni, dopo aver esaminato tre leggi regionali, ha deciso di impugnare la legge della Regione siciliana dell’8 febbraio 2018, sulla “Variazione di denominazione dei comuni termali“: la legge modifica la denominazione dei Comuni senza la necessaria consultazione dei cittadini che sono interessati a questa modifica, cosa che è una violazione del principio sancito dall’articolo 133, comma 2, della Costituzione.

La legge era stata applicata a Montevago che aveva cambiato nome in Montevago Terme. Il piccolo comune in provincia di Agrigento conosciuto per la sua sorgente di acqua sulfurea, grazie al cambio nome, era entrato a far parte così dell’Associazione Nazionale Comuni Termali (Ancot), che conta 46 comuni che rappresentano una parte importante del termalismo italiano