Il bilancio della Regione: ecco a chi Musumeci ha tolto i soldi

Dal servizio agrometereologico, al reparto ippomontato dei Forestali, dal conferimento di medaglie al valor civile, alla riparazione degli alloggi popolari a carico della Regione, dalla propaganda dei prodotti siciliani, all’istituto incremento ippico di Catania. Sono tagli trasversali, quelli imposti dal maxi emendamento al ddl stralcio che la giunta di governo ha presentato all’Assemblea. Un provvedimento che ha l’obiettivo di liberare risorse, sfrangiando indistintamente i budget di capitoli spesso diversissimi tra loro.

Così le comunità alloggio (ex ospedali psichiatrici) dovranno contare su un milione e 700mila euro in meno rispetto a quanto indicato nel ddl stralcio, passando così da 11,5 milioni di euro a 9,7 milioni. Anche per l’Unione italiana ciechi taglio del 15 per cento alle risorse: da circa 1,5 milioni a 1,3 milioni di euro. E ancora, dovranno tirare la cinghia i pazienti siciliani affetti da talassemia che ricevono un’indennità da parte della Regione: i fondi quest’anno saranno sfrangiati da 9,2 milioni di euro a 7,8 milioni.

Dieta dimagrante anche per il personale parchi e riserve, che dovrà fare i conti con un milione e mezzo di euro in meno in bilancio: da 10,3 milioni si passerà a 8,7 milioni. Anche le attività di sostegno al territorio per i Comuni afferenti gli aeroporti di Birgi e Comiso avranno un budget ridimensionato: da sei milioni a 5,1 milioni di euro. E ancora: in caso di calamità naturali i fondi per la prima assistenza scendono dai quasi 870mila euro a poco più di 730 mila, mentre il fondo interventi per fronteggiare gli eventi calamitosi passa da 1,2 milioni a poco più di un milione di euro.

Le risorse per il contratto di servizio delle attività di valorizzazione del patrimonio immobiliare, invece, passeranno da 2,7 milioni di euro a quasi 2,3 milioni. Anche i fondi assunzioni riservati ai figli delle vittime di mafia saranno ridimensionati da 255mila euro a 217mila, mentre le risorse riservate agli indennizzi una tantum per le vittime di mafia passeranno da 69 mila euro a 58 mila.

Tutti sfrangiati del 15 per cento. Gli stessi 15 punti percentuali in meno con cui dovranno fare i conti i teatri siciliani. Una coperta, insomma, che sembra essere irrimediabilmente troppo corta: qualunque scelta opererà il governo regionale, alla fine gli scontenti dalla Finanziaria potrebbero essere in molti.

Giuseppe Lupo e Nadia La Malfa

Convolati a nozze nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo il politico Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa

Nozze principesche tra il il presidente del gruppo parlamentare del PD all'Ars Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa, che sono convolati a nozze, pronunciando il loro si nella suggestiva chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo davanti ...
Leggi Tutto
Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto
Manlio Noto e Marco Pomar

Marco Pomar e Manlio Noto nel musicospettacolo 80ANSIA, al Mille e una notte

Una serata dedicata ai meravigliosi anni 80 con un musicospettacolo intitolato 80ansia. Protagonista il duo artistico Marco Pomar e Manlio Noto. Ah, gli anni ottanta! I favolosi anni ottanta, si diceva. Chissà poi perché. Forse perché eravamo giovani, alcuni adolescenti, ...
Leggi Tutto