Faraone attacca Di Maio: “Ha cambiato il programma partecipato del M5S, truffa”

”Mi ha colpito l’articolo di oggi sul Foglio e credo che Luigi Di Maio ci debba delle spiegazioni. Credo le debba a chi ha votato il Movimento 5 Stelle e a tutti gli italiani. Emerge chiaramente che la cantilena ripetuta da Di Maio sui programmi compatibili è una truffa. Così com’è una truffa la storiella che quello dei 5Stelle è il primo e l’unico programma basato sulla partecipazione e sulla democrazia diretta online”. Questa la dichiarazione di Davide Faraone pubblicata sui social.

“Perché quello votato dagli iscritti – recuperato oggi dal Foglio e condiviso da milioni di italiani con il loro voto del 4 marzo – è sparito ed è stato sostituito in segreto con un programma in pdf diverso, non votato da nessuno. Eravamo abituati a partiti che tradivano il programma presentato agli elettori, la Terza Repubblica dei grillini inaugura invece la stagione dei programmi che mutano a mutare delle stagioni”, dichiara. “Noi non siamo abituati a parlare male dei nostri avversari politici, promuoviamo le nostre idee. Però quando è troppo è troppo. Hanno fatto e fanno campagna contro i trasformisti, giusto, ma loro che fanno i trasformisti programmatici cosa sono? Con un programma preciso sono diventati il primo partito in Italia, raggiungendo il 32% e adesso lo cestinano diventando il primo caso, nella storia della nostra repubblica, di trasformismo che coinvolge un intero partito e i rispettivi gruppi parlamentari. A questo trasformismo – dichiara ancora -, consumato ai danni del popolo dei cinquestelle e a tutte le persone intelligenti, noi dobbiamo opporci. Allora, finiamola con i contratti e parliamo di visione. Smaschereremo la truffa e scopriremo che sulla visione – la collocazione internazionale dell’Italia, l’Europa e le politiche economiche – non abbiamo niente a che spartire con questo ”ectoplasma mutante”. D’altronde, cosa possiamo aspettarci da chi parla di due forni, uno con la Lega e uno con il Pd, due partiti radicalmente diversi, che diventano assolutamente interscambiabili per un ”movimento” senza principi. Un programma per ogni forno, un partito che diventa di destra o di sinistra, al bisogno. Non c’è alcuna differenza tra chi cambia casacca e chi cambia programma. Si chiama sempre trasformismo. Trasformismo 4.0, probabilmente”.

Giuseppe Lupo e Nadia La Malfa

Convolati a nozze nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo il politico Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa

Nozze principesche tra il il presidente del gruppo parlamentare del PD all'Ars Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa, che sono convolati a nozze, pronunciando il loro si nella suggestiva chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo davanti ...
Leggi Tutto
Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto
Manlio Noto e Marco Pomar

Marco Pomar e Manlio Noto nel musicospettacolo 80ANSIA, al Mille e una notte

Una serata dedicata ai meravigliosi anni 80 con un musicospettacolo intitolato 80ansia. Protagonista il duo artistico Marco Pomar e Manlio Noto. Ah, gli anni ottanta! I favolosi anni ottanta, si diceva. Chissà poi perché. Forse perché eravamo giovani, alcuni adolescenti, ...
Leggi Tutto