Pagliaro (Cgil) e Mannino (Flai) a Musumeci: “Un governo senza maggioranza ha il dovere di confrontarsi sulle riforme”

Alfio Mannino, segretario della Flai Cgil

“Al Presidente Musumeci vogliamo dire che il tempo inesorabilmente continua a scorrere e non è affatto neutro, lo sanno bene il 41,8% dei siciliani a rischio povertà, lo sanno bene anche le ragazze e i ragazzi con un’età compresa tra 15-24 anni,un 1/3 dei quali è Neet ”. In una nota congiunta replicano così Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia e Alfio Mannino, segretario della Flai, alle affermazioni del Presidente della Regione, Nello Musumeci davanti alla platea degli industriali, nei giorni scorsi, a Catania, riportate da un quotidiano locale.

“La lentezza o la prudenza, come la definisce il presidente Musumeci – aggiungono i due sindacalisti – sono due facce della stessa medaglia, sono la storia che si ripete e del peggio che diventa sempre peggio. La lentezza del governo Musumeci è come quella proverbiale dei nostri treni: quelli veloci restano ancora un sogno che, governo dopo governo, s’infrange nell’infinita attesa del cambiamento.”

Sulle riforme Pagliaro e Mannino sottolineano che “sono fondamentali, non a caso siamo stati i primi a rivendicarle raccogliendo ogni volta senza esitazione la sfida. Esse però – rilevano – non possono essere intese come demolizioni seguite da nessuna ricostruzione, sarebbe troppo facile. Inoltre un governo senza maggioranza avrebbe il dovere di condividerle e di costruirle favorendo il confronto con le parti sociali e il Parlamento e non ci pare che tutto ciò stia accadendo”.

E a Musumeci che dice che “non si farà piegare”, Pagliaro e Mannino replicano dicendo che “non si possono spezzare nemmeno le lavoratrici e i lavoratori più deboli”. “Lo pseudo piano stralcio dei rifiuti da una parte e la cancellazione dell’Esa, i tagli alle risorse dei forestali, la vertenza dei consorzi di bonifica dall’altra – osservano i due esponenti della Cgil – sono lo specchio di un’azione politica debolissima con i poteri forti e fortissima con i deboli: la Sicilia così non diventerà mai bellissima”.

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto