Mafia, il M5S: “Una follia togliere la scorta ai familiari di Ignazio Cutrò”

“Chi ha dato il proprio contributo alla lotta alla mafia deve essere tutelato dallo Stato. Togliere la scorta al testimone di giustizia Ignazio Cutrò è una scelta che non condividiamo assolutamente e che speriamo venga al più presto rivista. A tal proposito vorremmo incontrare a breve il Prefetto di Agrigento per comprendere la ratio secondo la quale, viene tolta qualsiasi forma di tutela ai familiari di Cutrò, specie all’indomani di intercettazioni nelle quali dei mafiosi locali lasciavano intendere di colpire appena lo Stato si fosse stancato di proteggere il testimone di giustizia e la sua famiglia”. A dichiararlo sono i deputati agrigentini del Movimento 5 Stelle all’Ars Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro, in merito alla decisione di togliere la scorta ai familiari di Cutrò da parte dell’Ufficio Centrale Interforze per la Sicurezza Personale del Ministero dell’Interno ed il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, che fa capo alla Prefettura di Agrigento. Una decisione che già nei giorni scorsi aveva visto l’intervento del Cobas Codir che aveva lanciato un appello affinché la scorta fosse subito ripristinata.

“Porteremo il caso – spiegano i deputati – all’attenzione della commissione antimafia all’Ars, quando questa verrà costituita. Nel frattempo, confidando nella sensibilità del Prefetto di Agrigento, auspichiamo che la scelta venga riconsiderata. Nel frattempo, segnaliamo l’accaduto ai colleghi di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica per avere risposte dal nuovo Governo, appena questo si sarà insediato”.

malinconia, donna in riva al mare

Assostampa: “Trattare le notizie di suicidi con responsabilità ed evitando sensazionalismi”

Assostampa Trapani ha rivolto un appello ai colleghi giornalisti, affinché le notizie riguardanti i casi di suicidio vengano a trattate con responsabilità ed evitando i sensazionalismi. Il richiamo arriva in seguito al suicidio di una giovane di Marsala e di ...
Leggi Tutto

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto