Altadonna attacca Faraone: “Le sue sono braccia rubate alla terra”

Lo schema non cambia. Sembra che l’esperienza del 4 Marzo non faccia scuola per il luogotenente Renziano in Sicilia”. Così Salvo Altadonna – consigliere Pd della V Circoscrizione e membro della direzione provinciale – esordisce sull’iniziativa che Davide Faraone ha tenuto ieri a Trabia.

La segreteria provinciale del Partito non ha sentito il bisogno, dopo il 4 marzo, di convocare un’assemblea per confrontarsi sulle cause del disastro. Faraone dice:”Abbiamo grandi praterie davanti a noi”, concordo con lui – dice Altadonna – da tempo dico che le sue sono braccia rubate alla terra. Con chi è come ha intenzione di vangare queste praterie? Con Cardinale, che costruisce fuori dal Pd per poi imporne la figlia in lista? In che modo? Alla Leopolda maniera? Fuori dal Partito per poi quando conviene smarcarsi dalle responsabilità?.
In gergo calcistico si dice squadra che vince non si cambia ma il Pd non è più una squadra da tempo forse per qualcuno è quindi ora di cambiare gioco. A Faraone dico, hai vinto! Ma per far vincere te, abbiamo quasi perso un partito. Adesso spetta prendersi la responsabilità di provare a ricostruire a rigenerare ma questo lavoro duro e di responsabilità non può farlo chi ci ha condotto a vivere questa tetra fase di smarrimento del centro sinistra, dei suoi valori e del suo metodo di partecipazione e coinvolgimento dei territori e dei cittadini”.