Forestali, l’11 aprile manifestazione regionale a Palermo. I sindacati: “Chiediamo risultati concreti”

Più di 5.000 lavoratori forestali, dei consorzi di bonifica, dell’Esa e dell’ex Aras scenderanno in piazza a Palermo, mercoledì 11 aprile, per la manifestazione regionale organizzata da Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil regionali. Il corteo partirà alle 10 da piazza Marina per dirigersi verso la Presidenza della Regione, dove si svolgeranno i comizi.

“Ad oggi – scrivono i sindacati in una nota – nessun forestale è stato avviato al lavoro. Non ci sono le condizioni per fare partire la campagna irrigua con i lavoratori dei consorzi di bonifica senza stipendio anche da 13 mesi. I lavoratori dell’Aras sono licenziati da 18 mesi. Si prevede di chiudere l’Esa senza offrire certezze sulla sorte degli stagionali della meccanizzazione agricola”.

“Abbiamo chiesto soluzioni – scrivono Alfio Mannino (Flai), Pierluigi Manca (Fai) e Antonio Marino (Uila) – ma l’incontro del 4 aprile si è concluso con un nulla di fatto”. I sindacati chiedono “emendamenti alla Finanziaria che integrino tutte le risorse necessarie all’espletamento delle giornate di lavoro di tutti i settori”. Rilevano che “ad oggi mancano 45 milioni di euro per il servizio antincendio e per la realizzazione dei viali parafuoco e che vanno individuate misure extraregionali per oltre 100 milioni di euro per svolgere le altre attività forestali”.

Flai, Fai e Uil rivendicano da mesi l’attuazione del contratto regionale dei forestali e il reperimento delle risorse per lo svolgimento delle garanzie occupazionali. Mannino, Manca e Marino affermano che “la logica degli annunci rischia di creare solo disagio e paure tra i lavoratori”. E aggiungono che “solo in questi giorni, in seguito al pressing di Flai, Fai e Uila pare che il governo stia predisponendo i necessari emendamenti alla Finanziaria. La nostra iniziativa di mobilitazione – sottolineano – è finalizzata ad ottenere risultati concreti, al superamento dell’attuale stato di emergenza e all’avvio della stagione di riforme con al centro il tema della sicurezza del territorio nell’ottica dell’efficienza e della razionalizzazione avviando il processo di stabilizzazione, dando servizi sempre più efficienti all’agricoltura, al territorio, ai siciliani”.

I sindacati chiedono dunque “il riordino del settore forestale col presupposto della stabilità occupazionale; l’approvazione di una legislazione sui consorzi di bonifica che consenta un processo di stabilità occupazionale col superamento dei contenziosi in atto presupposto per l’avvio della campagna irrigua e il pagamento degli arretrati; il rilancio del ruolo e delle funzioni dell’ Esa; il riavvio del servizio di assistenza alla zootecnia. “Buona parte delle nostre rivendicazioni – sottolineano Flai, Fai e Uila – sono rivolte anche al Parlamento siciliano. Abbiamo chiesto incontri ai gruppi parlamentari per illustrarle”.

Morti Bianche in Sicilia, Alessandro Aricò: "Verificheremo ipotesi prepensionamento per i lavoratori a lungo esposti all'amianto"

Morti Bianche in Sicilia, Aricò: “Verificheremo ipotesi prepensionamento per chi esposto all’amianto”

"L'appello lanciato dall'Osservatorio nazionale Amianto merita una risposta immediata delle istituzioni politiche e pertanto avrà il massimo sostegno da parte nostra: verificheremo la possibilità di portare al Consiglio dei ministri un atto di indirizzo che preveda il prepensionamento dei lavoratori ...
Leggi Tutto
La via dei Librai, presentata la terza edizione a Palermo: 60 stand, 3 isole letterarie e 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto

La via dei Librai, presentata la terza edizione: 60 stand e 3 isole letterarie

Terza edizione, 60 stand, 3 isole letterarie (Leonardo Sciascia: piazza Bologni, Vincenzo Consolo: piano della Cattedrale, Salvatore Quasimodo: via Collegio di Giusino), 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto, 1 km di passione, di ...
Leggi Tutto
Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura

Lomonte: “Non c’è alcuna crisi idrica, agricoltori colpiti per mancanze di idee della Regione”

Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura: "Non c’è alcuna crisi idrica, e gli agricoltori non possono essere colpiti per la mancanza di idee ...
Leggi Tutto
Amianto killer in Sicilia, Filippo Virzì portavoce dell'Ugl Sicilia: "Determinante l'operato dell'Ona. Politica troppo timida sull'argomento"

Amianto, Filippo Virzì (Ugl): “Determinante l’operato dell’Ona”

"I dati snocciolati da Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), in occasione del convegno di stamani sono a dir poco agghiaccianti, 600 decessi per patologie legate all’amianto nel 2017, dice tutto, è un dato che deve farci riflettere profondamente". Così ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest