“Un nuovo Pd alternativo ai populismi”: Faraone prepara il campo al Partito della Nazione

Il Partito della Nazione muove i suoi primi passi e comincia a riorganizzarsi, anche in Sicilia. A chiamare a raccolta fedelissimi e simpatizzanti sabato 14 aprile dalle 10 alle 18 all’Hotel Tonnara di Trabia è il senatore dem Davide Faraone, reduce dalla debacle delle politiche e dalla pioggia di critiche piovute addosso al luogotenente renziano in Sicilia. Dai partigiani dem fino allo stesso Matteo Renzi, che nel giorno dell’insediamento a Palazzo Madama ha riservato a Faraone una battuta al vetriolo sul clamoroso risultato a ribasso in Sicilia.

Faraone non ci sta e rilancia il progetto di un “campo largo tra i moderati”, proseguendo nell’idea di un allargamento al centro. “Ribaltiamo – scrive questa mattina in un post sui social network – questa idea tafazzista della traversata del deserto. Il 4 marzo ci consegna un nuovo bipolarismo: i populisti da un lato, e, dall’altro lato, uno spazio possibile, un “Nuovo Campo” dei riformisti e dei moderati, di chi è alternativo al populismo e all’anti europeismo“.

“In questi anni – scrive ancora Faraone – , dal primo Big Bang in avanti, Leopolda 2011, la politica italiana è cambiata profondamente. Il Partito Democratico è cambiato. La società è cambiata. Noi avevamo intuito già alcuni anni fa che nulla sarebbe stato più come prima. I vecchi partiti della sinistra europea, scrive Giuliano Da Empoli nel suo libro “La rabbia e l’algoritmo” sono ormai l’ombra di ciò che erano. “In un decennio, la sinistra di governo è passata, nei quindici paesi che hanno aderito al Trattato di Maastricht, dal 28 per cento del 2004 al 20 per cento del 2014, un risultato che sarebbe stato ancora peggiore senza la straordinaria performance del Partito Democratico italiano nelle elezioni europee del 2014. In Europa esistono intere aree nelle quali la tradizionale competizione tra destra e sinistra è stata sostituita da una gara tra la destra e i populisti”.

“In questi anni – sottolinea ancora il senatore dem – abbiamo registrato vittorie e sconfitte, l’ultima alle elezioni politiche, ma abbiamo impresso un forza riformista al nostro partito, senza precedenti. Abbiamo cambiato il Paese e abbiamo dato un senso al centro sinistra in Italia, mentre negli altri paesi europei, un senso non lo ha più avuto. Abbiamo commesso errori, certo, tanto abbiamo da correggere, ma la strada è segnata”.

Insomma, l’unica via sembra appunto il campo largo. Il Partito della Nazione. “Dobbiamo costruire questa casa politica, un nuovo Pd, un soggetto che diventi forza attrattiva per tutti quelli che si oppongono al populismo e al ribellismo. Non abbiamo un deserto da attraversare, ne siamo convinti, ma grandi e verdi praterie davanti a noi”.

lettera a babbo natale

Poste Italiani ai bambini, ancora due giorni per scrivere a Babbo Natale e ricevere una sorpresa

Tutti i bambini che scriveranno la loro letterina riceveranno una sorpresa e l’invito a scaricare un app per giocare con disegni e lettere animate  Anche quest’anno torna la “Posta di Babbo Natale” la tradizionale iniziativa di Poste Italiane dedicata ai ...
Leggi Tutto
Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto