Facebook da lunedì avviserà gli iscritti coinvolti nello scandalo del Datagate

Dopo le scuse è arrivato anche il momento della chiarezza. Facebook annuncia, tramite le parole del proprio chief technology officer Mike Schroepfer, che da lunedì 9 aprile tutti gli iscritti coinvolti nello scandalo del Datagate, con i dati rubati e utilizzati dalla società Cambrige Analytica, saranno avvisati tramite una notifica all’interno del social network. Si parla di oltre 87 milioni di persone nel mondo, mentre in Italia Facebook ha calcolato che siano stati interessati 214.134 profili su un totale di 31 milioni di utenti attivi.

Grazie alla notifica che verrà inviata dal social network, gli utenti i cui dati sono stati utilizzati da Cambrige Analytica saranno avvisati e potranno sapere quali sono le applicazioni che utilizzano le informazioni condivise, in modo da poterle rimuovere.

“Riteniamo che queste modifiche consentiranno di proteggere meglio le informazioni delle persone. Sappiamo di avere più lavoro da fare”, ha dichiarato Schroepfer. L’azienda di Mark Zuckerberg ha già eliminato la possibilità di inserire il numero di telefono e l’indirizzo mail nella barra di ricerca per trovare le persone, strumento utilizzato da Cambridge Analytica per rubare informazioni su più utenti possibili: 87 milioni, secondo le stime diffuse, su un totale di 2 miliardi di iscritti al social network.

L’associazione a difesa dei consumatori Codacons, intanto, ha deciso di avviare una class action negli Stati Uniti contro Facebook, per far ottenere il giusto risarcimento a chi ha subito il furto dei dati. E con la notizia che questi utenti siano avvisati dallo stesso social di essere stati coinvolti, in molti non si lasceranno sfuggire questa possibilità.