Palermo, rapina a un furgone portavalori: arrestate tre persone

Eseguita questa mattina dalla Polizia di Stato di Palermo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone, ritenute responsabili di una violenta rapina a un furgone portavalori, avvenuta il 12 agosto 2016: arrestati i palermitani Giovanni Giotti, classe ’65, guardia giurata presso una ditta di trasporti; Carmelo Balsameli, classe ’70, e Marco Marsala, classe ’79.

Dalle attività investigative è emerso che organizzatore della rapina, tra le più grandi avvenute nell’ultimo ventennio in termini di denaro portato via (si tratterebbe di circa 1.600.000 euro), sarebbe stato Balsameli. L’uomo e i suoi complici, tutti coperti e armati di fucili e pistole, si sarebbero impossessati del furgone in via Puglisi a Palermo, minacciando con le armi e immobilizzando con le fascette le guardie giurate che lo conducevano. Giotti, stando alle indagini, avrebbe assunto il ruolo di basista del gruppo e quel giorno si sarebbe poi messo alla guida del furgone portavalori.

Un’ulteriore misura cautelare di custodia in carcere è stata, inoltre, emessa a carico di Balsameli e di Marsala, ritenuti responsabili di una rapina tentata, il 31 maggio 2017, ai danni delle Poste Italiane di Piazza della Costellazione a Palermo. In quella circostanza, i due avrebbero fatto nella parete che conduceva alla stanza del direttore della filiale, al fine di impossessarsi del denaro immesso nel circuito Bancomat dell’agenzia. La rapina, però, non è stata portata a compimento, a causa dell’attivazione di un sensore luminoso che ha indotto i malviventi alla fuga.