Ferrandelli: “Rap verso il fallimento, unico responsabile il sindaco Orlando”

“Palermo è di nuovo sommersa dai rifiuti: la città è lo specchio della gestione fallimentare della Rap”. A lanciare il grido di allarme è Fabrizio Ferrandelli, leader dell’opposizione che attacca duramente il sindaco in consiglio comunale.

Orlando è l’unico responsabile di questo sfacelo. La Rap è senza governance da settembre, il bilancio del 2016 non è stato approvato, quello del 2017 non può che essere in perdita, visti i recenti accadimenti. La scorsa settimana – spiega Ferrandelli – la maggioranza ha votato in Consiglio la delibera Tari e sono stati tolti 6 milioni di euro a Rap. Tra la nuova fase di raccolta differenziata (Pap2) che necessiterà circa di 12 milioni di euro per raggiungere 120.000 abitanti e la gestione del TMB (che ad oggi non è nel contratto di servizio) è probabile che nel 2018 si determini una perdita tra i 13-15 milioni. Una simile perdita, per una società che ha come capitale sociale solo 14 milioni di euro, si traduce solo in un altro fallimento annunciato”.

Ferrandelli aggiunge anche: “Hanno tolto personale dalla manutenzione strade, compromettendo servizi – aggiunge – ma soprattutto mettendo a serio rischio il riconoscimento della produttività prevista dal contratto servizio e determinando l’ennesima perdita. E il sindaco, irresponsabilmente, scappa non presentandosi in aula e mandando allo sbando dirigenti e collegio dei revisori – conclude Ferrandelli – mentre la maggioranza in Consiglio si frantuma. Così non si va da nessuna parte. I responsabili di questo disastro – conclude il leader dell’opposizione – dovrebbero presentare le proprie dimissioni con effetto immediato e consentire alla città e ai cittadini di riscrivere una nuova storia e un nuovo futuro”.