Gentiloni in visita al Dammusu ro ciucculattaru a Modica

Il presidente del Consiglio di Ministri, Paolo Gentiloni, per Pasqua in visita a Modica, assieme alla moglie Emanuela.

Dopo avere visitato il Duomo di San Giorgio e quello di San Pietro, è stata la volta del santuario del cioccolato di Modica, il Dammusu ro ciucculattaru, sezione animata del Museo del Cioccolato, dove ad accoglierlo è stato il maestro Ignazio Iacono, avvertito all’ultimo momento della visita dell’illustre ospite.

Il presidente e la signora Emanuela hanno mostrato grande interesse per la tecnica settecentesca di lavorazione del cioccolato di Modica e per i tanti aneddoti raccontati dal maestro Iacono, riguardo alla sua lunga attività di dolciere e cioccolatiere.

La visita del presidente del Consiglio fa seguito alla lettera di ringraziamento prima e di invito, che gli è stata consegnata dal direttore del Consorzio del Cioccolato lo scorso 15 novembre, a conclusione del G7 di Taormina. Così recitava alla fine: “Auspichiamo di poterLa accogliere, unitamente alla Sua gentile consorte, che abbiamo avuto l’onore di conoscere lo scorso maggio a Taormina, nella città di Modica città Patrimonio Unesco, terra natale del Nobel Salvatore Quasimodo e presto, con il suo cioccolato di Modica IGP, prima città europea a fregiarsi di un così importante riconoscimento”.

In quella occasione al Presidente Gentiloni è stata donata una selezione di cioccolato di Modica delle imprese consortili, nonché la pubblicazione Modica. La storia del suo cioccolato di Grazia Dormiente e Giuseppe Leone.


Nella foto di copertina:  la signora Gentiloni al G7 di Taormina con il sindaco Abbate, il presidente del Consorzio Peluso e il direttore Svivoletto


Widget not in any sidebars