Auguri Gazzettino, è il tuo non-compleanno

La ricorrenza si festeggia con numeri da record. Dallo scoop dell’arresto di Carmelo Scelta al sequestro degli striscioni anti sistema nel giorno delle celebrazioni della strage di Capaci, dodici mesi all’insegna di una maniera diversa di raccontare la Sicilia. E il dovere di dire grazie ai lettori e a chi crede in noi.

Il primo è il compleanno più importante nella vita di un giornale, quello che ti fa capire che il sogno è davvero uscito fuori dal cassetto e da 12 mesi rappresenta il tuo quotidiano. Il gazzettinodisicilia.it compie un anno e a guardarsi indietro, per certi versi vengono i brividi. Non era per nulla scontato essere dove siamo adesso, essere riusciti a ritagliarsi uno spazio tra le onde dell’informazione on line siciliana e a traghettare la cooperativa giornalistica originaria nel più sicuro porto di una società editoriale giovane e piena d’entusiasmo che garantisce la realizzazione libera e indipendente di un giornale senza condizionamenti editoriali o pubblicitari.

Il secondo nostro ringraziamento va proprio agli imprenditori che stanno al nostro fianco e che hanno creduto in questa utopia, perché è inutile girarci attorno: oggi il mercato non consentirebbe operazioni come la nostra senza l’obbligo di pagare dazio in termini di libertà e coraggio. Quel coraggio indispensabile per compiere scelte non sempre popolari. Per semplificare: il gazzettino vuole raccontare i fatti e fornire sempre una sua opinione che non è di destra o di sinistra, piuttosto di aprire una finestra laica sulla realtà che viviamo. Abbiamo scelto di non essere tifosi di alcuna squadra in un’epoca in cui le curve sono piene zeppe così.

Non siamo uguali agli altri, a volte è un limite ma molto spesso un pregio. Nel mercato editoriale siamo come Alice nel paese delle meraviglie, lo sguardo curioso che si posa sulle notizie. In fondo il nostro potrebbe essere un buon non-compleanno, perché quest’aria di magnifico stupore, come Alice, ce la portiamo addosso ogni giorno.

Dicevamo, il nostro secondo ringraziamento è per chi ci consente questo grado di libertà perché il primo è per tutta la nostra comunità di lettori che si è formata attorno al giornale, senza forzatura alcuna e neppure agevolata da quel vizio contemporaneo di comprare utenti nella piazza digitale. È stata un’aggregazione spontanea, ci siamo annusati e scelti per affinità elettive. Un rapporto d’affetto e di fedeltà che si è consolidato nel tempo.

In questi 12 mesi di cose ne sono accadute, è dei giorni del nostro debutto, per esempio, la caduta di Carmelo Scelta, l’ex dg della Gesap il cui arresto, grazie all’esclusiva fotografica assicurataci da StudioCamera, ha rappresentato il nostro primo colpo. E poi sempre in sinergia con la coppia Franco Lannino – Michele Naccari il racconto postumo del ritrovamento della borsa di Paolo Borsellino nelle ore della strage di via D’Amelio, un articolo che ci consentì di abbattere per la prima volta il muro dei 20.000 accessi unici in un giorno. Record poi bissato e frantumato dalla storia, sempre in esclusiva, del sequestro degli striscioni antisistema nel giorno della commemorazione della strage di Capaci. Quel giorno alcuni studenti diventarono uomini e noi capimmo che la parola mafia, sui motori di ricerca ha sempre un altissimo gradimento.

E poi ancora le nostre tante aperture del giornale sottolineate da una formula grafica che non ha eguali, dal Leolook ai giorni di Dolce&Gabbana, dal trionfo di Orlando alla crisi di Birgi, senza dimenticare la prima inchiesta di costume, quella sulla Mafietta che vi ha accompagnato per diverse puntate. E poi, sempre in termini di esclusiva, quelle stranezze che il web premia con migliaia di clic come il video della fuga del cinghiale nelle vie di un quartiere residenziale di Palermo.

E ancora le nostre rubriche capitanate da Il Diario di Anna, parole spudorate e senza freno su sesso e sentimenti al giorno d’oggi, gli scoop che mai avremmo voluto fare (“Maledetto 11 maggio”) e quelli che dimostrano che in politica non sempre è necessario avere gole profonde per giocare d’anticipo rispetto alla concorrenza (“Sebastiano Tusa sostituirà Sgarbi”).

Infine le nostre dirette Facebook, una costante del nostro secondo semestre con le quali abbiamo provato a raccontare in maniera diversa l’enogastronomia come la politica. Ecco, la diversità, quella naturale e non cercata a tutti i costi, che vogliamo sia il nostro tratto distintivo, quella fatta di abitudine a ragionare al di là dei fatti. E a questa regola si sono attenuti anche coloro i quali per comune sentire di tanto in tanto ci prestano la loro intelligenza, il loro contributo di idee e suggerimenti, da Laura Compagnino a Ettore Zanca, una piccola truppa di fiancheggiatori che rende più completo il nostro quotidiano. E un’amichevole pacca sulla schiena a coloro i quali hanno contribuito a spingere la macchina in salita nei primi sudatissimi giorni, da Filippo Barbaro a Fabio Geraci, Gaetano Cafici, Stanislao Lauricina, Benvenuto Caminiti, Daniela Tornatore.

Nessuna pretesa di essere migliori degli altri, ma il desiderio di provare a selezionare altri colori oltre al bianco e al nero questo sì che lo abbiamo, perché è dalle sfumature che quasi sempre si coglie la differenza di pensiero e di azione. Ci avete viziati, giorno dopo giorno e per questo vogliamo continuare ad essere una vostra abitudine quotidiana. Oggi che anche i numeri ci danno ragione abbiamo la certezza che questo nostro primo compleanno non sarà l’ultimo. È una promessa. O una minaccia. Fate voi.

Con orgoglio e passione

Attilio Cardella, Miriam Di Peri, Dario Fidora, Manlio Melluso, Simone Romano, Angelo Scuderi, Laura Tumbarello

 

Sebastiano Tusa

Sebastiano Tusa assessore al posto di Sgarbi

Il suo nome girava già da settimane. La poltrona occupata fino a qualche ora fa da Vittorio Sgarbi passerà al Soprintendente ...
Leggi Tutto

Il video del cinghiale che corre in via dell’Olimpo tra le auto e taglia la strada a una vettura

Un cinghiale corre in via dell'Olimpo, a Palermo, in mezzo alle auto. Ecco il video girato da un automobilista. Pericolo ...
Leggi Tutto
Leolook Orlando

Palermo e l’altra faccia del Leolook

Palermo ha molti specchi che ne rappresentano l’anima. Tante chiavi di lettura delle sue contraddizioni. Troppe etichette, slogan e nomignoli, ...
Leggi Tutto
i 26 milioni di Dolce&Gabbana

I 26 milioni di Dolce&Gabbana e la Palermo che deve dire grazie

Il direttore del Giornale di Sicilia, Marco Romano, due giorni fa proponeva una giusta riflessione a proposito della “calata” a ...
Leggi Tutto
Orlando: Palermo sono io

ORLANDO RE DI PALERMO

Il professore sbaraglia la concorrenza, centra la vittoria al primo turno e diventa primo cittadino per la sesta volta. In ...
Leggi Tutto
Incidente stradale

Maledetto 11 maggio

Fabrizio e Gabriele, un incredibile e tragico destino che li accomuna: entrambi studenti del liceo Cannizzaro, hanno trovato la morte ...
Leggi Tutto
Strage via D'Amelio, il 19 luglio 1992, in via Mariano d'Amelio a Palermo. Persero la vita l magistrato Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Borsellino, la sua borsa e la foto che inguaiò il Capitano

Un’immagine scattata casualmente e rimasta nel cassetto per 15 anni. Poi dall’archivio di Studio Camera, ancora per un caso, salta ...
Leggi Tutto
aeroplano sulla pista di un aeroporto

Anche per oggi si vola domani

Toti Piscopo, direttore di Travelnostop: "La Regione non vuole il sistema unico aeroportuale. Ma senza collegamenti adeguati il turismo resterà ...
Leggi Tutto
Carmelo Scelta, ex-direttore Gesap, arrestato

NON AVEVANO SCELTA

Da tempo nel mirino degli inquirenti, sfiorato dallo scandalo Helg, l'arresto di oggi chiude la carriera di un politico - ...
Leggi Tutto

La mafietta secondo loro

Quel piccolo sopruso che in Sicilia molti subiscono e a cui purtroppo ci si rassegna. Il racconto di Ficarra e ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto