Finanziaria, Armao inizia liquidando il passato: Ircac, Crias ed Esa

Scopriamo la legge finanziaria della Regione. Verranno proposti la liquidazione dell’Esa e l’accorpamento di Irfis, Ircac e Crias. Armao: “Siamo aperti al contributo di tutte le parti”

È stata dura, ma dopo un percorso tormentato il Defr ha avuto il via libera dall’Ars. “Scosse di assestamento”, le chiama Gaetano Armao, assessore all’Economia e vicepresidente della Regione, che non ha perso il suo consueto aplomb inglese nemmeno in questi giorni concitati, che hanno visto la maggioranza cadere in aula durante il primo voto al Defr. Per l’esponente del governo regionale il giudizio è comunque buono: “Sono stati approvati il documento economico e finanziario regionale e la proroga dell’esercizio provvisorio, abbiamo approvato il primo bilancio consolidato della Regione siciliana e il rendiconto 2016 – ripercorre Armao – In pochi giorni abbiamo lavorato a diverse leggi, credo sia un risultato positivo“. E liquida gli inciampi a sala d’Ercole come semplice routine: “I documenti finanziari stanno impegnando l’aula in modo pieno da un po’ di tempo – dice -, è giusto che ci sia il normale confronto tra forze politiche“.

Adesso in aula si passa alla finanziaria, di cui ilgazzettinodisicilia.it è in grado di fornire in anteprima il testo approdato a Sala d’Ercole (leggi): “C’è un mese per sviluppare un confronto positivo sui temi – osserva Armao – Abbiamo prospettato una finanziaria che ha riduzione della spesa, concentrazione di enti,  taglio degli sprechi, ma anche investimenti per le imprese, sostegno alle classi più deboli, accesso al credito per le aziende. Questo è quello che offriamo al confronto politico in questi giorni. Sarà un passo significativo nell’avvio delle soluzioni economiche in prospettiva del rilancio della Sicilia”. Una fiducia nell’assunzione di buon senso da parte di tutti che si traduce in un’apertura di principio alle forze politiche dell’Ars sui contenuti della legge di stabilità: “La finanziaria individua dei temi di intervento centrali che potranno essere sviluppati con il contributo di tutte le parti, anche di chi non ha sostenuto il Presidente Musumeci – dice Armao – D’altro canto è aperta a contributi ulteriori, si può arricchire. Si tratta di un documento caratterizzato da una sua razionalità, ma non ci sono preclusioni. Ci confronteremo – conclude -, siamo chiamati a dare risposte alla Sicilia, non a rivendicare prese di posizione”.

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto