“I rifiuti fuori dalla Sicilia”: Cocina chiede 2 milioni

Due milioni di euro per costituire il nuovo “Organismo regionale di coordinamento per la pianificazione e la programmazione in materia di rifiuti”. La delibera con cui la giunta ha espresso apprezzamento per la relazione che porta la firma del dirigente generale del Dipartimento Acque e Rifiuti, Salvatore Cocina, è dello scorso 6 marzo. Porta in calce la firma di Nello Musumeci, di Alberto Pierobon e – appunto – di Cocina.

L’ufficio, in soldoni, dovrà occuparsi della redazione del piano per il nuovo ciclo dei rifiuti in Sicilia e proprio in quest’ottica lo scorso gennaio Nello Musumeci si era avvalso della collaborazione di uno dei massimi esperti regionali in materia di rifiuti, Aurelio Angelini. Una collaborazione durata tre mesi (per un compenso lordo di poco più di settemila euro), ma che è scaduta proprio lo scorso venerdì 24 marzo. Angelini era stato chiamato per una “collaborazione tecnico-scientifica – si legge sul sito della Regione – nell’ambito della gestione del ciclo integrato dei rifiuti, della pianificazione e per l’individuazione delle riforme necessarie per realizzare gli obiettivi e le finalità previste dalla legge nel settore, supportando l’Organo politico nella gestione delle situazioni di crisi e/o emergenza”.

Una consulenza che ha portato alla redazione “di un disegno di legge – racconta lo stesso Angelini – che a breve il governo dovrebbe varare e di uno stralcio del piano rifiuti che individua gli interventi più urgenti”. Ma non è ancora dato sapere se ad Angelini sarà rinnovata la consulenza o meno, come ammette il diretto interessato: “In questo momento si resta in attesa, com’è noto si tratta di una collaborazione che non nasce da vicinanza politica ma da una condivisione d’intenti. Se il governo volesse avvalersi ancora delle mie competenze, sarò lieto di dare il mio contributo”.

Intanto, leggendo la relazione di Cocina approvata dalla giunta, il quadro che emerge è tutt’altro che confortante. “Le volumetrie delle discariche strategiche presenti sul territorio – si legge nella relazione – sono in esaurimento ed è pertanto necessario avviare tutte le azioni utili a prevenire l’insorgere di ulteriori nuove emergenze. In particolare, si segnala il prossimo esaurimento della discarica di Bellolampo e ancora più vicino quella di Trapani. Pur con ogni possibile provvedimento ordinario o in regime di ordinanza ex art. 191, si avrà da giugno la saturazione della sesta vasca di Bellolampo e pertanto, se non si troveranno siti o soluzioni alternative, si verificherà il blocco della raccolta dei rifiuti in 51 Comuni, compresi il capoluogo di Regione, per circa 1.100.000 di abitanti e circa 1.100 tonnellate di rifiuti al giorno”.

Cocina avvisa anche che “i progetti in corso di nuove vasche prevedono una volumetria realizzabile di circa 6.400.000 metri cubi e risulterebbero concretamente utilizzabili solo a 18-24 mesi da oggi”. Insomma, “misura invocabile è quella del trasporto fuori regione”.

Una situazione che, in sostanza, non può più attendere e il cui metodo per procedere è snocciolato nel dettaglio all’interno della relazione. “Ad avviso dello scrivente, dunque – conclude Cocina – sarebbe opportuno che la Giunta valuti di esprimersi affinché il dipartimento della Programmazione proceda in tempi rapidi a un decreto di imputazione della spesa con risorse finanziarie pari ad almeno 2 milioni di euro, indicandone quale beneficiario il dipartimento Acque e Rifiuti”.

lettera a babbo natale

Poste Italiani ai bambini, ancora due giorni per scrivere a Babbo Natale e ricevere una sorpresa

Tutti i bambini che scriveranno la loro letterina riceveranno una sorpresa e l’invito a scaricare un app per giocare con disegni e lettere animate  Anche quest’anno torna la “Posta di Babbo Natale” la tradizionale iniziativa di Poste Italiane dedicata ai ...
Leggi Tutto
Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto