Governo battuto all’Ars, l’ira di Musumeci: “Mai ostaggio di nessuno”

Durissimo sfogo del governatore Nello Musumeci a Sala d’Ercole, dove questo pomeriggio è stato bocciato il Defr, il documento economico e finanziario regionale. Musumeci in Aula si è rivolto all’opposizione, appellandosi al senso di responsabilità dei deputati: “Non abbiamo giurato di mettere i bastoni tra le ruote al governo di Musumeci, abbiamo giurato di fare il bene della Sicilia. Mi sento pienamente legittimato di rappresentare i siciliani, ma la stessa legge che consente l’elezione del presidente, non gli consente di avere una maggioranza stabile”.

“Allora – ha proseguito il governatore – si vuole consentire che questo governo proponga alcune leggi di riforma, magari modificandole, come abbiamo fatto responsabilmente anche noi da opposizione con Crocetta? Io con lealtà ho detto di non avere la maggioranza. Non pensate che io mi voglia consegnare ostaggio di qualcuno in quest’Aula. Né io, né il mio governo. Se ci vogliamo confrontare, facciamolo qui davanti alle telecamere, ma se pensate che prima di entrare in Aula debba passare dal capopopolo di turno, non avrei difficoltà a rassegnare il giudizio elettorale ai siciliani. Abbiate buonsenso. Qui nessuno si vuole intestare i meriti”.

E ancora: “Il Movimento Cinque Stelle ha fatto le proprie scelte. Quando due deputati (Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca, ndr) sono stati posti sotto indagine, nessuno si è permesso di fare un solo apprezzamento in quest’Aula. Quant’è labile la memoria di qualcuno. Abbiamo manifestato grande rispetto come centrodestra, perché sappiamo che i tempi della politica non devono dipendere da quelli della magistratura”.

I siciliani attendono risposte, noi ne abbiamo proposte alcune, potrete avanzarne altre. Ma che senso ha sbattere soltanto la porta in faccia? A chi serve questa eterna campagna elettorale? Questo documento può essere approvato o meno, ne trarremo tutti le conseguenze”. In Aula al momento del voto erano presenti 65 deputati. Trentadue, i voti favorevoli. Altrettanti i contrari. Un astenuto. Il governo è stato bocciato, ancora una volta, a Sala d’Ercole.

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu riscuotendo ampi e rilevanti consensi da parte dei lavoratori

Cisl Fp primo sindacato alle Rsu di Palermo e Trapani

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu svoltesi il 17, 18 e 19 aprile 2018. Mentre sono ancora in corso le operazioni di scrutinio, dai primi risultati emersi, la federazione della Cisl che ...
Leggi Tutto

Rock10elode, torna il contest musicale dedicato alla band in erba

Se c’è un contest musicale che dal 2006 ad oggi ha aiutato a valorizzare i giovani artisti in erba provenienti dai licei siciliani, quel contest è Rock10elode. Dopo la pausa dello scorso anno, servita però a dare vita al progetto-costola ...
Leggi Tutto

Anm e Miur insieme per la Notte bianca della legalità

Promuovere una cultura dei diritti, educare i più giovani a un ruolo attivo nella vita civile e democratica, trasmettere i valori della giustizia: sono gli obiettivi della “Notte bianca della legalità”, iniziativa promossa e realizzata dall'Associazione Nazionale Magistrati e dal ...
Leggi Tutto
Bagheria, un immobile confiscato alla mafia destinato alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria e alla segreteria tecnica del progetto Contratto di Fiume

Bagheria, bene confiscato alla mafia nuova sede della Casa del Volontariato e della segreteria di Contratto di Fiume

Con la deliberazione n.84 del 18 aprile la Giunta municipale di Bagheria ha approvato un atto di indirizzo con il quale ha destinato l’immobile, confiscato alla mafia, di via Cherubini 10 alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest