Governo battuto all’Ars, l’ira di Musumeci: “Mai ostaggio di nessuno”

Durissimo sfogo del governatore Nello Musumeci a Sala d’Ercole, dove questo pomeriggio è stato bocciato il Defr, il documento economico e finanziario regionale. Musumeci in Aula si è rivolto all’opposizione, appellandosi al senso di responsabilità dei deputati: “Non abbiamo giurato di mettere i bastoni tra le ruote al governo di Musumeci, abbiamo giurato di fare il bene della Sicilia. Mi sento pienamente legittimato di rappresentare i siciliani, ma la stessa legge che consente l’elezione del presidente, non gli consente di avere una maggioranza stabile”.

“Allora – ha proseguito il governatore – si vuole consentire che questo governo proponga alcune leggi di riforma, magari modificandole, come abbiamo fatto responsabilmente anche noi da opposizione con Crocetta? Io con lealtà ho detto di non avere la maggioranza. Non pensate che io mi voglia consegnare ostaggio di qualcuno in quest’Aula. Né io, né il mio governo. Se ci vogliamo confrontare, facciamolo qui davanti alle telecamere, ma se pensate che prima di entrare in Aula debba passare dal capopopolo di turno, non avrei difficoltà a rassegnare il giudizio elettorale ai siciliani. Abbiate buonsenso. Qui nessuno si vuole intestare i meriti”.

E ancora: “Il Movimento Cinque Stelle ha fatto le proprie scelte. Quando due deputati (Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca, ndr) sono stati posti sotto indagine, nessuno si è permesso di fare un solo apprezzamento in quest’Aula. Quant’è labile la memoria di qualcuno. Abbiamo manifestato grande rispetto come centrodestra, perché sappiamo che i tempi della politica non devono dipendere da quelli della magistratura”.

I siciliani attendono risposte, noi ne abbiamo proposte alcune, potrete avanzarne altre. Ma che senso ha sbattere soltanto la porta in faccia? A chi serve questa eterna campagna elettorale? Questo documento può essere approvato o meno, ne trarremo tutti le conseguenze”. In Aula al momento del voto erano presenti 65 deputati. Trentadue, i voti favorevoli. Altrettanti i contrari. Un astenuto. Il governo è stato bocciato, ancora una volta, a Sala d’Ercole.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto