E i lavoratori dei call center si affidano al “collega” Fico

Un settore in piena emergenza che guarda con rinnovata speranza e ottimismo il nuovo Presidente della Camera e soprattutto il suo curriculum vitae. I lavoratori dei call center sperano in una maggiore attenzione nei riguardi dei loro problemi da parte di Roberto Fico dopo aver scoperto che in passato ha fatto, per un anno, il loro stesso lavoro. Una delle più alte cariche dello stato italiano che è partito dal basso e che adesso, sperano i lavoratori, avrà nei loro confronti un’attenzione in più.

E mentre la crisi dei call center vive a Palermo un momento delicato, ecco alcune richieste da parte dei lavoratori di Almaviva, una delle aziende che attraversa un periodo di incertezza  con il contratto Alitalia e Wind in fase di rinnovo.

“Ci sono almeno due cose fondamentali che andrebbero considerate parlando di call center”, spiega Salvatore La Barbera, dipendente di  Almaviva. “La prima è applicare le leggi che già esistono sulla delocalizzazione. Il problema qui è duplice: da una parte c’è chi perde il lavoro perché i contratti si spostano in altri Paesi europei; dall’altro c’è chi rimane ma vede un peggioramento dei suoi contratti. Le contrattazioni sindacali si giocano al ribasso per tentare di non perdere le commesse. Noi abbiamo anche rinunciato al Tfr per un anno. Le contrattazioni non dovrebbero essere fatti sui nostri contratti ma sulla qualità dei servizi offerti“.

“Un’altra cosa che il Presidente della Camera, o chi per lui, dovrebbe osservare è dove vanno a finire gli aiuti dello Stato alle aziende in difficoltà. Noi siamo arrivati a pagarci la formazione pur di mantenere il posto di lavoro e di dare una maggiore qualità di servizio. Ci piacerebbe – conclude La Barbera – vedere questi aiuti come vengono utilizzati”.

Ottimista Chiara Miroddi, anche lei dipendente di Almaviva, che però sottolinea sempre il problema della delocalizzazione: “Bisogna capire come tutelare i lavoratori italiani. Un altro punto sul quale spero ci sia rinnovata attenzione da parte dello Stato è quello riguardante le mamme che lavorano. In un ambiente come il call center, dove l’80% dei lavoratori è di sesso femminile, un aiuto in tal senso sarebbe fondamentale, con azioni concrete, a partire da più asili nidi statali”.

Morti Bianche in Sicilia, Alessandro Aricò: "Verificheremo ipotesi prepensionamento per i lavoratori a lungo esposti all'amianto"

Morti Bianche in Sicilia, Aricò: “Verificheremo ipotesi prepensionamento per chi esposto all’amianto”

"L'appello lanciato dall'Osservatorio nazionale Amianto merita una risposta immediata delle istituzioni politiche e pertanto avrà il massimo sostegno da parte nostra: verificheremo la possibilità di portare al Consiglio dei ministri un atto di indirizzo che preveda il prepensionamento dei lavoratori ...
Leggi Tutto
La via dei Librai, presentata la terza edizione a Palermo: 60 stand, 3 isole letterarie e 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto

La via dei Librai, presentata la terza edizione: 60 stand e 3 isole letterarie

Terza edizione, 60 stand, 3 isole letterarie (Leonardo Sciascia: piazza Bologni, Vincenzo Consolo: piano della Cattedrale, Salvatore Quasimodo: via Collegio di Giusino), 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto, 1 km di passione, di ...
Leggi Tutto
Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura

Lomonte: “Non c’è alcuna crisi idrica, agricoltori colpiti per mancanze di idee della Regione”

Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura: "Non c’è alcuna crisi idrica, e gli agricoltori non possono essere colpiti per la mancanza di idee ...
Leggi Tutto
Amianto killer in Sicilia, Filippo Virzì portavoce dell'Ugl Sicilia: "Determinante l'operato dell'Ona. Politica troppo timida sull'argomento"

Amianto, Filippo Virzì (Ugl): “Determinante l’operato dell’Ona”

"I dati snocciolati da Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), in occasione del convegno di stamani sono a dir poco agghiaccianti, 600 decessi per patologie legate all’amianto nel 2017, dice tutto, è un dato che deve farci riflettere profondamente". Così ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest