Raccolta differenziata, le cifre del fallimento

Una media nell’ultimo quadrimestre del 13,3 per cento a Palermo, il 9,3 a Catania, il 15,6 a Messina, l’8,3 a Siracusa. Eccolo lì, il quadro impietoso di una Sicilia che se ne infischia dell’ambiente. Le quattro maggiori città dell’Isola, che da sole producono un terzo dei rifiuti che si conferiscono nelle discariche siciliane, differenzia in media meno del 12 per cento dei rifiuti. Cifre ridicole, mentre le multe europee sono sempre più salate, le discariche sono ormai al collasso e gli inceneritori, purtroppo, sono ormai una realtà dietro l’angolo.

Cittadini che se la prendono con le amministrazioni comunali, sindaci che puntano il dito contro la Regione, il governatore che accusa trent’anni di ritardi sul settore dei rifiuti, quella poltrona all’assessorato all’Energia rimasta vacante per tutto l’avvio della legislatura. E una Sicilia con un tasso di differenziata che supera il 30 per cento. Attenzione, si tratta comunque di un passo in avanti notevolissimo, se si tiene conto dei numeri da prefisso telefonico di qualche anno fa. Per la prima volta la Sicilia supera i 30 punti percentuali di raccolta differenziata. Merito dei piccoli centri, dove il porta a porta avviene ogni giorno ed è più facile oleare la macchina organizzativa per i turni tra umido, carta, plastica, vetro, lattine e indifferenziato.

Ma fino a quando quel milione e mezzo di siciliani che vive nelle grandi città continuerà a differenziare a livelli imbarazzanti, la vita delle discariche non si potrà allungare neanche di un giorno.

Non che non ci siano gli esempi virtuosi anche tra le grandi città, come a Marsala, dove nonostante i suoi 83mila abitanti la differenziata arriva al 55 per cento. O Gela, 75mila abitati e la differenziata a 47 punti percentuali in media nell’ultimo quadrimestre.

E poi ci sono le medagliette al merito di quei piccoli Comuni in cui si va ben oltre la soglia del 65 per cento imposto dalla Comunità Europea. È il caso di Giardinello, San Cono, Zafferana Etnea,che salgono sul podio a pari merito con una media di oltre il 77 per cento. Ma anche San Michele di Ganzaria (76), Sant’Angelo Muxaro (75), Giuliana (75), Butera (74), Sambuca di Sicilia (74). Ma si tratta di perle rare. Sono 37, in tutto, i Comuni siciliani che superano la soglia dei 65 punti percentuali di raccolta differenziata. Soltanto 37, su 390 Comuni. Tutto il resto si traduce in salatissime sanzioni della Comunità Europea a carico di tutti i siciliani. Di chi differenzia. E di chi non ha ancora imparato a non buttare il pacchetto di sigarette vuoto fuori dal finestrino della macchina.

Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto