Lega, in Sicilia volano gli stracci. Rizzotto contesta le nomine di Pagano

La storia della Lega di Matteo Salvini ha ancora una storia giovane, eppure volano già gli stracci tra i dirigenti e i quadri del partito. Tony Rizzotto, deputato regionale eletto a Sala d’Ercole in quota alle ex camicie verdi, attacca Alessandro Pagano, parlamentare nazionale appena rieletto.

“Nei giorni scorsi l’onorevole Alessandro Pagano, deputato nazionale della Lega per Salvini premier – si legge in una nota firmata da Rizzotto -, nell’ambito di una riunione organizzata per ringraziare gli elettori, ha proceduto alla proclamazione di sé stesso quale segretario regionale del partito, nominando nel contempo il segretario provinciale e i quadri dirigenti in provincia di Palermo. Non risulta – punta l’indice Rizzotto – che qualcuno abbia mai proceduto ad assegnare, a chicchessia, incarichi di coordinamento territoriali, nel partito di Matteo Salvini nella sua nuova organizzazione.”