Sgarbi fa un nome per la successione in Sicilia: “Propongo Roberto Andò”

Uno scrittore, uno storico dell’arte, un professore. Ecco l’identikit del suo successore alla guida dell’assessorato ai Beni culturali della Regione siciliana per Vittorio Sgarbi.

“Sto lavorando perché sia un grande tecnico – ha detto il critico d’arte – . Ho proposto a Forza Italia un nome, che è stato accolto ma non credo l’abbiano poi chiamato: Roberto Andò. La mia idea è che sia un uomo conosciuto come me in Italia, in Europa, che abbia un ruolo culturale che prevale su quello politico. Stiamo lavorando su una personalità come questa che non sia un esponente di un partito, ma un tecnico legato al mondo siciliano”.

“Parlando con Micciché – rivela Sgarbi – abbiamo convenuto che è inutile portare lì uno targato politicamente e che sarebbe bene trovare una personalità che si è distinta per le sue capacità. È un’idea che è arrivata a Musumeci e su cui mi pare ci sia un certo gradimento. Poi non posso imporre niente a nessuno”.