Palermo, presentati i francobolli di Peppino Impastato e Pino Puglisi – LE FOTO

Presentati oggi, 21 marzo, presso il Palazzo delle Poste di Palermo, i due francobolli ordinari, appartenenti alla serie tematica “Il senso civico” e dedicati alla lotta alla mafia, di Peppino Impastato e Giuseppe Puglisi, rispettivamente nel 40° e nel 25° anniversario della scomparsa, e del valore di € 0,95 ciascuno. Emessi dal Ministero dello Sviluppo Economico, la presentazione dei due francobolli è avvenuta alla presenza del responsabile Filatelia, Fabio Gregori, del responsabile Area Territoriale Sicilia, Antonino Foti, del Prefetto di Palermo, Antonella De Miro, e dei rappresentanti delle istituzioni locali e delle comunità religiose.

I francobolli sono stampati dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. I bozzetti sono a cura di Cristina Bruscaglia per il francobollo dedicato a Peppino Impastato, e di Tiziana Trinca per quanto riguarda il francobollo dedicato a Giuseppe Puglisi.

Nel dettaglio, le vignette raffigurano rispettivamente: un ritratto di Peppino Impastato, in primo piano su una banda con la scritta “Radio Aut”, da lui fondata nel 1977, affiancato ad una frase dello stesso Peppino: “L’informazione è resistere, resistere è preparare le basi del cambiamento”; un ritratto di don Pino Puglisi, in primo piano su un gruppo di bambini, affiancato ad una frase del sacerdote: “Non ho paura delle parole dei violenti ma del silenzio degli onesti”.

Completano i francobolli le rispettive leggende “PEPPINO IMPASTATO 1948 – 1978” e “PINO PUGLISI 1937 – 1993”, la scritta “ITALIA” e il valore “€ 0,95”.

I francobolli ed i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi, possono essere acquistati presso gli Uffici Postali, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.

Sarà inoltre disponibile un folder in formato A4 a due ante, contenente i due francobolli e due cartoline affrancate ed annullate primo giorno di emissione.


Nella foto, da sinistra verso destra: Biagio Di Maria, Maurizio Artale, Antonino Foti, don Leo Pasqua, Francesco Puglisi, Fabio Gregori, Totò Cordaro, il prefetto Antonella De Miro, Giovanni Palazzolo, Lucia Buonomo, Maria Lusia Impastato e Giuseppe Mattina