Insulti al Pride di Pompei, Arcigay: “Gente che non fa paura a nessuno”

“Sappiate che se venite a frocieggiare fuori il Santuario vi pigliamo a calci sulle gengive”. La minaccia arriva da un esponente di Forza Nuova, il destinatario è uno degli organizzatori del Pride di Pompei, in Campania.

Una notizia, insomma, che supera i confini geografici dell’Isola, ma che in un ponte immaginario collega la Campania alla Sicilia, dove proprio negli scorsi giorni si è tenuta l’Assemblea cittadina in vista del consueto appuntamento col Palermo Pride.

“La sensazione – ammette Daniela Tomasino, Arcigay Palermo, commentando il caso di Pompei – è che questi estremisti pensino di godere di una certa impunità. Dimenticando che quelle affermazioni non sono soltanto diffamatorie, ma costituiscono reato penale”.

“Per quanto ci riguarda – sottolinea ancora l’attivista -, continuiamo a lavorare all’organizzazione del Palermo Pride, che negli anni è diventato la casa di tantissime rivendicazioni. Quest’anno per il Palermo Pride punteremo sul femminismo, declinato in tutte le sue sfumature. Per il resto, dispiace per l’episodio di Pompei, ma è chiaro che qui nessuno ha paura. Questa qui è gente che non fa proprio paura a nessuno. Sicuramente preoccupa il clima culturale, ma – ripeto – a me pare che sia abbastanza marginale. Ecco, è importante non abbassare la guardia affinché continui a restare marginale”.