Animali, nelle scuole di Palermo un progetto per educare i più giovani ad averne rispetto

Educare al rispetto degli animali tra i banchi di scuola. È quanto si prefigge di fare l’Organizzazione internazionale protezione animali, assieme ad altre associazioni animaliste come Lida Palermo, Ugda e Felici nella Coda Onlus, attraverso un progetto a cui, nelle ultime settimane, hanno già aderito alcune scuole di Palermo e provincia. L’obiettivo è – spiega Veronica Anastasio, responsabile Oipa sezione Palermo – “puntare sui giovani, che rappresentano il futuro, per cercare di far leva su un modo di vivere migliore”. Inoltre, in questa maniera, “laddove gli adulti non sono sensibilizzati su certi temi, i bambini possono insegnare loro qualcosa”.

In ogni caso, la parola chiave è: rispetto. Rispetto per ogni forma di vita, anche per quelle creature che, come ci racconta la cronaca, sono sempre più vittime di maltrattamenti e sevizie. “Di sensibilizzazione dei ragazzini ne parlavamo da tantissimo tempo – racconta Veronica Anastasio – perché siamo convinti che tutto parte da lì. Iniziare a educare al rispetto degli animali già dalle elementari, anche attraverso giochini o quiz, la riteniamo una cosa fondamentale”. La prima scuola ad aderire è stata il “Finocchiaro Aprile”. Si sono poi aggiunti l’Istituto “Marco Polo”, dove sono andati solo i rappresentanti Oipa, e la “Colozza Bonfiglio”. Dal 26 marzo il progetto approderà anche in alcune scuole di Carini, tra cui la “Renato Guttuso”.

“Trattiamo di tutto. Dal randagismo, la sterilizzazione, il microchip, agli allevamenti intensivi, i maltrattamenti nei circhi e quelli in generale, agli animali da pelliccia. Ovviamente si varia da scuola a scuola, in base all’età dei bambini. Noi come Oipa poi, avendo le guardie zoofile, parliamo molto di maltrattamenti e quindi – continua a spiegare Anastasio – di cosa fare in questi casi, chi chiamare, come segnalare, spieghiamo cosa è lecito e cosa non è lecito, quando è il caso di segnalare, cosa è giusto e cosa no. E devo dire che finora il riscontro è stato piuttosto positivo”. Avvalendosi di foto e video, e illustrando il ruolo delle associazioni e dei volontari, si cerca così di sensibilizzare i più giovani al tema dei diritti degli animali.

La tematica principalmente affrontata è sicuramente quello del randagismo, “il problema forse più conosciuto e oltretutto la piaga più grande che sentiamo sulla nostra pelle qui in Sicilia”, e dei metodi con cui è possibile contrastarlo. A tal proposito, si spiega che cosa sono la sterilizzazione e il microchip, “due paroline spesso sconosciute, soprattutto nelle periferie”. L’attenzione è rivolta anche ad altri fenomeni, come quello dei combattimenti clandestini, e a un animale che, quando si parla di randagismo, molto spesso viene dimenticato: “Andando nelle scuole abbiamo notato che il gatto è considerato davvero poco, quando invece ci sono più gatti randagi che cani. Probabilmente, stando un po’ più in disparte e in colonie, si fa meno caso a questo animale. Un altro punto critico – conclude Anastasio – su cui io mi batto molto”.

Musica, Roy Paci lancia il suo “Salvagente”. C’è anche Willie Peyote

Dopo il successo dell’ultimo album Valelapena e con la partecipazione nel Febbraio 2018 al Festival di Sanremo insieme a Diodato, con il brano “Adesso”, il trombettista e autore siciliano Roy Paci presenta un nuova fatica, questa volta con la partecipazione ...
Leggi Tutto
La donna tonda è bella

Ragazze al mare, consigli per dimagrire. Ma la donna tonda è bella, anzi sexy e alla moda

Se proprio non riuscite a convincervi che anche la donna tonda è bella, anzi sexy, ecco dei piccoli trucchi suggeriti dai nutrizionisti per indurre la mente a "distrarsi" dal pensiero del cibo Siete in crisi per aver fallito la prova ...
Leggi Tutto
Francesco Benigno

L’attore Francesco Benigno condannato per le minacce via Whatsapp al dj Sasà Taibi

Dovrà pagare una multa di 300 euro, risarcire la vittima con 1.500 euro e pagare le spese processuali L’attore palermitano Francesco Benigno è stato condannato dal giudice di pace a seguito del procedimento penale che si è chiuso ieri. Benigno ...
Leggi Tutto
malinconia, donna in riva al mare

Assostampa: “Trattare le notizie di suicidi con responsabilità ed evitando sensazionalismi”

Assostampa Trapani ha rivolto un appello ai colleghi giornalisti, affinché le notizie riguardanti i casi di suicidio vengano a trattate con responsabilità ed evitando i sensazionalismi. Il richiamo arriva in seguito al suicidio di una giovane di Marsala e di ...
Leggi Tutto