Tutti gli uomini del presidente: il buen retiro della giunta sulle Madonie

Le crepe nella maggioranza di governo cominciavano ad essere troppe. Dai mal di pancia post elettorali, alla geografia partitica della giunta, fino alla rottura con Vittorio Sgarbi, ufficialmente ancora nell’esecutivo regionale, ma unico assente nel buen retiro madonita del governo guidato da Nello Musumeci.

Proprio lui, il primo inquilino di palazzo d’Orleans, ha convocato i suoi 12 (anzi, i suoi 11) a Castelbuono, sulle Madonie, per rasserenare gli animi e fare il punto sulla prima sessione di Bilancio che la nuova legislatura si appresta ad avviare insieme all’arrivo della primavera, il prossimo mercoledì 21 marzo. Una corsa contro il tempo per approvare i documenti contabili entro il 31 marzo e non ingessare l’amministrazione regionale per un altro mese con l’esercizio provvisorio.

“A mille metri, tra i boschi delle #Madonie – scrive Musumeci sui social, postando la foto dell’esecutivo – insieme alla giunta di governo per discutere, in serenità per tre giorni, di #Finanziaria, #Bilancio e delle grandi riforme per rimettere la #Sicilia in carreggiata. Regola prima: ognuno paga la propria quota“.