“Ladri di futuro”: lo sfogo del pm dopo gli arresti di Catania

Li ha definiti ladri di futuro e mai definizione fu più azzeccata. Oggi durante la conferenza stampa della Procura di Catania sugli arresti di funzionari pubblici e imprenditori impegnati nel settore dei rifiuti, è successo qualcosa che va oltre la normale spiegazione dei fatti da parte degli inquirenti.

Perché se la cronaca ha le sue regole – ed è giusto ascoltare i particolari delle indagini che hanno determinato l’inchiesta- ciò che è accaduto nel Palazzo di Giustizia di Catania – ha anche un valore sociale che a volte neanche le sentenze riescono a garantire.

Gli rodeva, eccome se gli rodeva, al magistrato che ha spiegato come meglio non avrebbe potuto un aspetto collaterale della vicenda giudiziaria ma non per questo meno secondaria. Oltre che alla corruzione e agli altri eventuali reati che saranno delineati nelle aule giudiziarie, il pm Fabio Regolo, ha puntato la sua attenzione sull’effetto devastante che la notizia in sé possiede in relazione al rapporto perverso tra impresa e pubblica amministrazione che proprio questa inchiesta ha ancora una volta svelato.

“Ad una certa parte della Pubblica Amministrazione non interessa un funzionario che conosce a memoria il codice degli appalti e che lo fa applicare. È meglio che ci sia qualcuno che chiuda un occhio e magari tutti e due. Al mondo dell’impresa (in questo contesto, ndr) non interessa un ingegnere che sa fare bene il suo lavoro, che prepara progetti idonei ad assicurarsi un appalto come insegnano le regole di mercato. E tutto ciò mentre le famiglie fanno fatica ad arrivare alla fine del mese ma egualmente compiono ogni sforzo per fare studiare i figli, nella speranza che attraverso lo studio e la formazione questi ragazzi sappiano restituire servizi alla comunità. Sforzi che corrono il rischio di essere vanificati da questi ladri di futuro”.

Dottore Regolo, il cittadino la ringrazia per ciò che assieme ai suoi colleghi ha fatto, il genitore che è dentro molti di noi la abbraccia per ciò che ha detto.

Allarme bocconcini avvelenati per le strade di Palermo: numerose le segnalazioni degli animalisti dopo la strage di cani di Sciacca

“Chi abbandona i cani è dell’Isis”: la gaffe di Iachetti

“Chi abbandona i cani è dell'Isis, è un terrorista”. Enzo Iachetti la tocca piano e nella foga di lanciare il suo messaggio, giusto e opportuno, commette però una clamorosa gaffe. Perché non c'entra nulla il fanatismo religioso con il pur ...
Leggi Tutto
rischio incendi

Allerta incendi in Sicilia: ecco gli hashtag contro i piromani

Oggi in tutta la Sicilia è scatta l'allerta per il rischio incendi. E dai social network arriva la proposta di fare fronte comune contro i piromani per salvare il patrimonio verde della Sicilia ed evitare che come ogni anno, in ...
Leggi Tutto
ezio bosso

Al Teatro di Verdura, Ezio Bosso in concerto dirigerà la Stradivari Festival Chamber Orchestra

L’appuntamento è per domenica 29 luglio; due giorni prima, venerdì il maestro condurrà “Studio Aperto”, un progetto elaborato da Claudio Abbado Conto alla rovescia per il concerto di Ezio Bosso a Palermo. Domenica, 29 luglio, alle 21, al Teatro di ...
Leggi Tutto
opera di Gesualdo Prestipino

“Il Genio e il Mito”, fino al 29 luglio al Bistrò del Teatro Massimo

Un progetto che parla di arte, cultura e sociale prendendo vita dalla mostra personale dello scultore ennese Gesualdo Prestipino Opere d'arte in luogo d'arte. “Il Genio e il Mito” è presente nel giardino del Bistrò del Teatro Massimo a Palermo ...
Leggi Tutto