Rapina all’ufficio postale di Aci S. Antonio, Salvo Di Grazia (Cisl): “Il foro dove sono entrati i banditi è stato praticato 10 giorni fa”

Si è consumato stamane, nell’Ufficio Postale di Aci S. Antonio, l’ennesimo atto violento e brutale nei confronti dei lavoratori. I banditi, sfruttando un foro praticato in una parete presumibilmente da loro stessi, sono penetrati nell’Ufficio sequestrando i lavoratori presenti. “L’azienda – afferma il segretario della Cisl Poste di Catania Salvo Di Grazia – ne è l’unica responsabile: il foro è stato fatto 10 giorni addietro e la Cisl ne aveva prontamente sollecitato l’immediata riparazione per mettere subito in protezione i lavoratori e lo aveva fatto con una missiva riservata inviata agli organi aziendali preposti in data 6 marzo”.

La missiva – continua il segretario – è rimasta inascoltata ed oggi, ancora una volta, stiamo ad assistere all’annunciata ed ennesima violenza che i lavoratori sono stati costretti a subire, per colpa di un’azienda che abbandona con ripugnante cinismo le persone, i propri dipendenti. Questi ultimi sono da tempo vittime di un’insolente disinteresse di chi in azienda dovrebbe agire con estrema tempestività e soprattutto sono le vittime sacrificali di una politica economica aziendale incentrata tutta verso il taglio delle risorse, specie in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro”.

“Il drammatico evento di oggi cade proprio in concomitanza con l’annullamento della vigilanza armata a guardia degli Uffici Postali! In questi giorni infatti l’azienda ha pensato bene di risparmiare sui costi, evidentemente ritenuti inutili, della vigilanza abbandonando, in un contesto di terrore, i propri dipendenti applicati agli sportelli, sempre più in balia di malintenzionati senza scrupoli”.

L’unica attenzione che viene rivolta verso i lavoratori degli Uffici Postali, si determina nella continua sollecitazione alla vendita dei prodotti finanziari, attuata attraverso schiaccianti pressioni psicologiche che accrescono all’inverosimile ansia e malessere in una categoria sempre più maltrattata ed umiliata.

In tema di sicurezza, da parte nostra, non possiamo più consentire che si commetta un tale scempio sulla pelle delle persone, che si continui ad economizzare sui bilanci a costo di mettere a rischio la serenità e persino la vita dei lavoratori.

“Da lunghi anni – conclude Di Grazia – lottiamo per difendere sicurezza e dignità dei lavoratori sui posti di lavoro, in un territorio notoriamente “diverso” da ogni altro, che tristemente occupa i primi posti nel Paese per numero di eventi criminosi. Ma tutto ciò interessa poco o nulla a questa azienda, attenta solo agli utili e ai profitti, ai tagli di costi e ai ridimensionamenti di personale, in barba a certi proclami che descrivono realtà del tutto diverse da quelle che, drammaticamente si vivono, quotidianamente, negli Uffici Postali. La Cisl preannuncia sin d’ora ulteriori azioni a difesa della categoria e della sicurezza sui luoghi di lavoro che proclameremo nelle prossime ore”.

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto