Aeroporto di Palermo, Cgil e Fil: “Positiva crescita ma occorre migliorare le condizione dei lavoratori”

Da una parte la crescita del traffico passeggeri dell’aeroporto di Punta Raisi Falcone-Borsellino, giudicata positivamente anche da Cgil Palermo e Filt. Dall’altro i nodi che ancora vanno affrontati e risolti, come il precariato ancora troppo diffuso nelle aziende dell’indotto, il lavoro  mal retribuito e la richiesta di una maggiore stabilità economica per i lavoratori. Argomenti discussi durante l’incontro del coordinamento Cgil dell’aeroporto,  che si è riunito con la partecipazione delle Rsa Cgil delle diverse aziende che operano nello scalo aeroportuale, alla presenza dei dirigenti Cgil Palermo e delle categorie sindacali Filcams e Filt.

Nella nota diramata a fine incontro, dopo un bilancio degli ultimi anni di gestione, e l’apprezzamento per la conferma dell’attuale governance di Gesap, il coordinamento comunica di aver  posto al centro dell’iniziativa sindacale  la contrattazione di sito a tutela dei diritti di  tutti i lavoratori  e le lavoratrici che operano all’interno dello scalo di Palermo, “al fine di migliorare le condizioni di vita e di lavoro soprattutto di chi opera in condizioni di precarietà”.

“La crescita dell’aeroporto è una notizia in linea con le aspettative e frutto della buona gestione della società Gesap,  che i lavoratori hanno condiviso. Restano troppe contraddizioni però – dichiara Mario Ridulfo, responsabile del coordinamento Cgil aeroporto –  soprattutto nelle aziende dell’indotto. Troppo precariato, e lavoro mal retribuito. Occorre adesso ridistribuire i frutti di questo lavoro attraverso il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, sia in ambito delle stesse aziende del trasporto aereo, sia delle altre, a cominciare dalla movimentazione merci, della sicurezza, fino alla ristorazione. Considerare l’aeroporto come una moderna fabbrica 4.0, un unico sito produttivo, in cui chiediamo si sviluppi una contrattazione per tutti i lavoratori che operano nel sito”.

E aggiunge  Fabio Lo Monaco, Rsa Filt Cgil, esponente del coordinamento Cgil aeroporto: “Auspichiamo che il beneficio economico consequenziale a tale aumento di passeggeri coincida con una maggiore stabilità e  un ritorno economico per tutti i lavoratori dello scalo. Tra le nostre richieste, ci sono  una maggiore perequazione salariale in Gesap e l’internazionalizzazione di diversi servizi che potrebbero essere garantiti con l’immissione di lavoratori qualificati da prendere dal bacino degli ex-Gesap rimasti in Gh”.  “Crediamo sia fondamentale – aggiunge Lo Monaco-   fortificare l’intero indotto e dare una boccata d’ossigeno ai lavoratori delle società di handling. I lavoratori di Aviapartner-Palermo nella stagione invernale sono stati costretti ad andare due mesi in altri scali e la situazione non è migliore nemmeno in Gh-Palermo. Confidiamo anche in un miglioramento delle condizioni contrattuali per gli ultimi assunti”.

Giusi Diana

Public lecture con Giusi Diana: “Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design”, anteprima di I-design ai Cantieri culturali

Evento dedicato ad Atelier Biagetti, il duo milanese formato dall'artista Laura Baldassari e dal designer Alberto Biagetti. "Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design" è il titolo della public lecture con Giusi Diana, critica e storica ...
Leggi Tutto
Minchia, installazione luminosa

L’arte della “minchia” in Manifesta non convince tutti. Chiesto al sindaco Orlando chi paga, quanto costa e in che modo venga promossa l’immagine di Palermo

Sabrina Figuccia: “Manifesta” sdogana la minc…”. Ma quanto pagano i palermitani per queste follie artistiche?  Arte o, al limite, semplice goliardia? Figuccia non ci sta e chiede conto e ragione a Leoluca Orlando, per avere associato la parola minchia a ...
Leggi Tutto
"Alla deriva", di Duccio Facchini

“Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong”. Camera dei Deputati, presentazione del libro di Duccio Facchini

Mercoledì 19 settembre 2018 alle ore 16 presso la sala conferenza stampa della Camera dei Deputati, presentazione del libro "Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong: il naufragio della politica, che nega i diritti per fabbricare ...
Leggi Tutto
Viviana&Serena, "Volevo un gatto nero"

Volevo un gatto nero, ovvero i patti si rispettano…

Può una canzone dello Zecchino d'Oro trasformarsi in una operetta bonsai? Può l'accorato appello di una bambina a rispettare i patti diventare un'operina alla Roberto De Simone? La storia dei nostri giorni ha per protagoniste Viviana&Serena, duo intrigante che interpreta ...
Leggi Tutto