Dermatologia pediatrica, l’ordine dei medici: “Ridotta al lumicino”

“La dermatologia pediatrica è ormai ridotta al lumicino, c’è fame di conoscenza su tutte le patologie cutanee. Con l’annullamento di questa importante specializzazione, assistiamo, infatti, a una così drastica riduzione occupazionale e formativa, che in futuro si rischia di non potere più offrire ai piccoli pazienti la migliore risposta terapeutica. In età neonatale, diagnosi precoce, tempestivo trattamento e approccio specialistico multidisciplinare sono i tre ingredienti essenziali perché una malattia della pelle non abbia ripercussioni in età adulta”. A lanciare l’allarme, Toti Amato, presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, nel corso del III congresso regionale “Sicily forum pediatric dermatology”, che si è svolto a Palermo, a Villa Malfitano, dal 9 al 10 marzo.

“La patologia dermatologica nel bambino è molto frequente. Circa il 20, 25 per cento di bambini ha problemi dermatologici, anche se spesso si tratta di semplici lesioni fisiologiche e parafisiologiche non gravi. Il neonato, però, ha delle manifestazioni cutanee particolari, che appaiano già dalla nascita o nelle prime settimane di vita”, ha detto Alfonso Delgado Rubio, direttore della clinica pediatrica dell’Università San Pablo Ceu di Madrid.

La terza edizione del congresso è stata una due giorni di confronto serrato tra esperti pediatri e dermatologi per promuovere un aggiornamento scientifico su tutte quelle patologie cutanee che rappresentano il 30 per cento di tutte le consulenze in età pediatrica: dalla dermatite atopica, la più frequente, alla psoriasi e le malattie ad essa associate nell’età adulta, come l’artrite e la sindrome metabolica; dalla percezione della pelle dei soggetti autistici, con la relativa difficoltà di diagnosi, all’interpretazione della dermatosi sulla pelle nera. Tema, quest’ultimo, approfondito da Aldo Morrone, uno dei massimi esperti mondiali di medicina delle migrazioni, nonché direttore scientifico dell’Istituto dermatologico San Gallicano di Roma, che ha spiegato come la pelle umana risponde ad esigenze ambientali.

“E’ bene che all’equatore sia più scura – ha detto Morrone – e man mano che ci si allontana, avvicinandosi ai poli, sia più chiara. I dati bio-antropologici ed epidemiologici indicano che il colore della pelle umana è dovuta alla selezione naturale che agisce per regolare gli effetti della radiazione ultravioletta su alcune sostanze nutritive indispensabili per il processo riproduttivo degli esseri umani: i folati e la vitamina D. In tutto il mondo la pigmentazione umana si è evoluta in modo che la pelle fosse abbastanza scura da impedire alla luce solare di distruggere i folati, ma abbastanza chiara da favorire la produzione di vitamina D. Tutte le malattie cutanee che si riscontrano sulla pelle bianca, si osservano anche su quella scura, quindi l’approccio rimane lo stesso”.

Aggiornamenti scientifici sono stati dedicati, oltre alla fotoprotezione, vitiligine e alle dermatosi trasmesse dagli animali domestici, nella speranza di evitare l’abbandono perché accusati di essere responsabili di patologie immaginarie, anche ai tatuaggi, una pratica ormai molto diffusa e spesso non controllata. Tatuaggi troppo scuri e grandi, che occupano porzioni di pelle significative, possono nascondere un melanoma. Oltre alla possibilità di contrarre infezioni per l’uso di aghi non sterili o perché non siano rispettate le regole basilari d’igiene; ma anche allergie e pericoli per il sistema immunitario per vie delle sostanze impiegate negli inchiostri che non recano nell’etichetta l’autorizzazione del Ministero della Salute.

Alla terza edizione del congresso sono intervenuti: Toti Amato (Dermatologo – Palermo), Fabio Arcangeli (Dermatologo – Rimini), Rocco Calzaretti (Pediatra -Trani), Santo Caracappa (Veterinario – Palermo), Alfonso Delgado Rubio (Pediatra – Madrid), Giovanna Gambino (Neuropsichiatra infantile – Palermo), Cristina Maggio (Pediatra – Palermo), Calogero Messina (Dermatologo – Palermo), Mirella Milioto (Pediatra – Palermo), Aldo Morrone (Dermatologo – Roma), Mirco Pierleoni (Dermatologo – Rimini), Giuseppe Ruggiero (Pediatra – Salerno), Carmelo Schepis (Dermatologo – Messina), Giorgia Schirò (Veterinaria – Palermo), Francesca Todaro (Dermatologa – Palermo).

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto