Liberty Lines: la Procura di Palermo procede al commissariamento dell’azienda

Tangenti e bandi fatti “su misura”. È ancora bufera sulla Liberty Lines: dopo il sequestro di beni per oltre 10 milioni di euro per Vittorio Morace e l’arresto per corruzione di Ettore Morace, ecco arrivare il commissariamento dell’azienda richiesto dalla Procura di Palermo.

Secondo quanto scoperto dai Carabinieri nel corso delle indagini, la dirigente regionale Salvina Severino avrebbe confezionato su misura il bando per i trasporti nelle isole. Morace, di contro, avrebbe assunto la figlia della dirigente nella sua azienda.

Il commissariamento durerà un anno: l’amministratore giudiziario sarà l’avvocato Marco Montalbano, che gestirà i contratti di pubblico servizio, affiancando e non sostituendo il consigliere d’amministrazione che era stato delegato dalla società. Il provvedimento è stato eseguito perché il giudice delle indagini preliminari, Marco Gaeta, ritiene ci sia ancora il rischio che possano essere commessi ulteriori reati all’interno della Liberty Lines.