Policlinico Palermo, farmaco prescritto illegalmente: indagati un ricercatore e un docente

Ormone della crescita prescritto illegalmente all’Ospedale Policlinico di Palermo. I Carabinieri del Nas, dopo aver svolto delle indagini su un docente universitario della Facoltà di medicina e chirurgia e un medico ricercatore in servizio nel reparto di endocrinologia dell’ospedale, hanno emesso nei confronti del ricercatore un sequestro preventivo  per equivalente di 104.694 euro. I due sono indagati per falso ideologico e abuso d’ufficio e, per il ricercatore medico, anche di truffa aggravata ai danni dell’Università degli Studi.

L’indagine è scaturita da un accertamento del 23 febbraio 2016 presso il Dipartimento del Farmaco dell’Asp di Palermo su segnalazione di un dirigente. Dagli accertamenti dei militari è emersa l’esistenza di 204 pratiche irregolari inerenti piani terapeutici a base di ormone somatotropo, l’ormone della crescita, prescritti illecitamente dal ricercatore a 133 pazienti, per una spesa di quasi 850 mila euro. I pazienti venivano anche sottoposti a visita in un centro medico privato.

La somma sequestrata al ricercatore è l’equivalente del vantaggio economico conseguito dal contratto di lavoro a tempo determinato e a tempo pieno che lo vincolava all’Università, dal 2013 al 2016, per un impegno orario di 1500 ore annue. Il medico, in realtà, in quel periodo effettuava attività libero professionale esterna non autorizzata oltre che attività di consulenza per una importante multinazionale farmaceutica.