Mafia, la Guardia di Finanza sequestra 120 milioni di euro a imprenditore agrigentino

La Guardia di Finanza ha sequestrato beni per un valore di oltre 120 milioni di euro all’imprenditore agrigentino Calogero Romano. Il provvedimento è stato emesso su proposta della Procura di Palermo dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Agrigento. Romano è titolare di numerose aziende che operano soprattutto nel campo delle telecomunicazioni e della fibra ottica, ma anche nel settore edile. L’imprenditore è anche titolare dell’autodromo Valle dei Templi, che si trova a Racalmuto, suo paese di origine.

L’operazione della Guardia di Finanza, dal nome in codice Valle dei Templi, proprio dal nome dell’autodromo, ha consentito di accertare i rapporti di connivenza che l’imprenditore avrebbe intrattenuto, nell’arco di un ventennio, con esponenti di spicco di Cosa Nostra.

Romano era stato condannato dal Tribunale di Agrigento a sei anni e sei mesi di reclusione. Secondo la magistratura, l’imprenditore, a partire dal 1992, avrebbe beneficiato dell’appoggio e della protezione della famiglia mafiosa di Racalmuto, per ottenere vantaggi per le proprie imprese nel mercato del calcestruzzo e nel settore edilizio. Una condanna per concorso esterno in associazione mafiosa arrivata anche grazie alla testimonianza del collaboratore di giustizia Ignazio Gagliardo, che era stato il suo punto di riferimento nei rapporti con Cosa Nostra.

Secondo gli inquirenti Calogero Romano avrebbe anche fornito alle aziende riconducibili ad alcuni esponenti mafiosi, e con il consenso del boss di Campobello di Licata Giuseppe Falsone, il calcestruzzo necessario per i lavori di costruzione del centro commerciale Le Vigne, facendo sovrafatturazioni per costituire fondi neri da utilizzare al sostentamento della famiglia mafiosa di Canicattì.

Romano è a capo di numerose società, tra le quali la Program group racing engineering, proprietaria dell’Autodromo Internazionale Valle dei Templi, la Beton 640, la Mediterranea cavi e la Romano telecomunicazioni. Le ultime due gli avevano fatto guadagnare una posizione dominante nelle opere di realizzazione di reti telematiche.

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu riscuotendo ampi e rilevanti consensi da parte dei lavoratori

Cisl Fp primo sindacato alle Rsu di Palermo e Trapani

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu svoltesi il 17, 18 e 19 aprile 2018. Mentre sono ancora in corso le operazioni di scrutinio, dai primi risultati emersi, la federazione della Cisl che ...
Leggi Tutto

Rock10elode, torna il contest musicale dedicato alla band in erba

Se c’è un contest musicale che dal 2006 ad oggi ha aiutato a valorizzare i giovani artisti in erba provenienti dai licei siciliani, quel contest è Rock10elode. Dopo la pausa dello scorso anno, servita però a dare vita al progetto-costola ...
Leggi Tutto

Anm e Miur insieme per la Notte bianca della legalità

Promuovere una cultura dei diritti, educare i più giovani a un ruolo attivo nella vita civile e democratica, trasmettere i valori della giustizia: sono gli obiettivi della “Notte bianca della legalità”, iniziativa promossa e realizzata dall'Associazione Nazionale Magistrati e dal ...
Leggi Tutto
Bagheria, un immobile confiscato alla mafia destinato alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria e alla segreteria tecnica del progetto Contratto di Fiume

Bagheria, bene confiscato alla mafia nuova sede della Casa del Volontariato e della segreteria di Contratto di Fiume

Con la deliberazione n.84 del 18 aprile la Giunta municipale di Bagheria ha approvato un atto di indirizzo con il quale ha destinato l’immobile, confiscato alla mafia, di via Cherubini 10 alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest