Sorpresa, la mafia non vota più…

“È una vera e propria rivoluzione delle geografia politico elettorale”. Non ha dubbi il politologo Giancarlo Minaldi, che proprio dalle pagine del Gazzettino, all’indomani delle regionali siciliane tracciava i motivi per cui la sinistra nell’Isola aveva scelto di votare Cinque Stelle e che oggi conferma quell’analisi alla luce dei primi dati sul voto siciliano alle politiche.

Ma la mafia non vota più?
“Certamente il vincolo clientelare è stato molto inferiore rispetto ad altre tornate elettorali. È ancora presto per poter analizzare i dati, ma è chiaro che il meccanismo alla base del Rosatellum che istituisce i collegi uninominali, ma contemporaneamente mantiene il paracadute, ha disincentivato la campagna elettorale nei territori e la mobilitazione di meccanismi più tipicamente clientelari”.

Insomma, il voto ai Cinque Stelle è un voto libero.
“In nessuna scienza sociale si può avere una certezza assoluta, ma è chiaro che quello ai Cinque Stelle è un voto d’opinione, non fondato sui meccanismi del consenso clientelare”.
Questa è una novità: in Sicilia prevale il voto d’opinione rispetto a quello clientelare.
“Agli uninominali si sarebbe dovuta fare una campagna elettorale spalla a spalla, che è stata invece inficiata dal paracadute, dalla possibilità cioè di candidarsi in altri 4 collegi plurinominali, per cui i candidati agli uninominali di fatto non sono andati a cercare gli elettori come in una competizione territoriale. Questo ha sicuramente indebolito la mobilitazione clientelare, come in parte già avvenuto alle regionali”.

Solo che rispetto alle regionali l’emorragia a sinistra è stata maggiore.
“Quando alle regionali la sinistra ha scoperto che c’era un evidente flusso in uscita verso i Cinque Stelle, avrebbe dovuto fare di più per riavvicinare il proprio elettorato”.

Dopo questo disastro da dove deve ripartire il Pd in Sicilia?
“Esattamente dalla direzione opposta rispetto a quella seguita fino a qua. Parlo del partito democratico, ma anche di Liberi e Uguali”.

Perché i siciliani hanno votato la Lega?
“Quel 5 per cento della Lega in Sicilia va osservato anche a partire dai candidati, perché molte di queste candidature provengono da un ceto politico navigato in termini di consenso. È molto improbabile che una quota significativa di siciliani abbia votato Lega per un’identificazione a livello nazionale. Piuttosto ha votato i suoi candidati”.

Qual è stato l’errore maggiore del Pd siciliano?
“Non c’è stata una azione rivolta a contenere il fenomeno palesato alle regionali. Si è continuato a rincorrere ceto politico proveniente da altre aree anziché provare a ricostruire a sinistra. E alla fine quel sistema bipolare, quel voto utile che ti ha caratterizzato per anni, diventa un boomerang. Il bipolarismo è rimasto, ma chi ha voluto contrastare la destra, ha espresso il proprio voto utile in favore dei Cinque Stelle. Insomma, il bipolarismo è rimasto, ma la sinistra non ne fa più parte”.

Musica, Roy Paci lancia il suo “Salvagente”. C’è anche Willie Peyote

Dopo il successo dell’ultimo album Valelapena e con la partecipazione nel Febbraio 2018 al Festival di Sanremo insieme a Diodato, con il brano “Adesso”, il trombettista e autore siciliano Roy Paci presenta un nuova fatica, questa volta con la partecipazione ...
Leggi Tutto
La donna tonda è bella

Ragazze al mare, consigli per dimagrire. Ma la donna tonda è bella, anzi sexy e alla moda

Se proprio non riuscite a convincervi che anche la donna tonda è bella, anzi sexy, ecco dei piccoli trucchi suggeriti dai nutrizionisti per indurre la mente a "distrarsi" dal pensiero del cibo Siete in crisi per aver fallito la prova ...
Leggi Tutto
Francesco Benigno

L’attore Francesco Benigno condannato per le minacce via Whatsapp al dj Sasà Taibi

Dovrà pagare una multa di 300 euro, risarcire la vittima con 1.500 euro e pagare le spese processuali L’attore palermitano Francesco Benigno è stato condannato dal giudice di pace a seguito del procedimento penale che si è chiuso ieri. Benigno ...
Leggi Tutto
malinconia, donna in riva al mare

Assostampa: “Trattare le notizie di suicidi con responsabilità ed evitando sensazionalismi”

Assostampa Trapani ha rivolto un appello ai colleghi giornalisti, affinché le notizie riguardanti i casi di suicidio vengano a trattate con responsabilità ed evitando i sensazionalismi. Il richiamo arriva in seguito al suicidio di una giovane di Marsala e di ...
Leggi Tutto