Sorpresa, la mafia non vota più…

“È una vera e propria rivoluzione delle geografia politico elettorale”. Non ha dubbi il politologo Giancarlo Minaldi, che proprio dalle pagine del Gazzettino, all’indomani delle regionali siciliane tracciava i motivi per cui la sinistra nell’Isola aveva scelto di votare Cinque Stelle e che oggi conferma quell’analisi alla luce dei primi dati sul voto siciliano alle politiche.

Ma la mafia non vota più?
“Certamente il vincolo clientelare è stato molto inferiore rispetto ad altre tornate elettorali. È ancora presto per poter analizzare i dati, ma è chiaro che il meccanismo alla base del Rosatellum che istituisce i collegi uninominali, ma contemporaneamente mantiene il paracadute, ha disincentivato la campagna elettorale nei territori e la mobilitazione di meccanismi più tipicamente clientelari”.

Insomma, il voto ai Cinque Stelle è un voto libero.
“In nessuna scienza sociale si può avere una certezza assoluta, ma è chiaro che quello ai Cinque Stelle è un voto d’opinione, non fondato sui meccanismi del consenso clientelare”.
Questa è una novità: in Sicilia prevale il voto d’opinione rispetto a quello clientelare.
“Agli uninominali si sarebbe dovuta fare una campagna elettorale spalla a spalla, che è stata invece inficiata dal paracadute, dalla possibilità cioè di candidarsi in altri 4 collegi plurinominali, per cui i candidati agli uninominali di fatto non sono andati a cercare gli elettori come in una competizione territoriale. Questo ha sicuramente indebolito la mobilitazione clientelare, come in parte già avvenuto alle regionali”.

Solo che rispetto alle regionali l’emorragia a sinistra è stata maggiore.
“Quando alle regionali la sinistra ha scoperto che c’era un evidente flusso in uscita verso i Cinque Stelle, avrebbe dovuto fare di più per riavvicinare il proprio elettorato”.

Dopo questo disastro da dove deve ripartire il Pd in Sicilia?
“Esattamente dalla direzione opposta rispetto a quella seguita fino a qua. Parlo del partito democratico, ma anche di Liberi e Uguali”.

Perché i siciliani hanno votato la Lega?
“Quel 5 per cento della Lega in Sicilia va osservato anche a partire dai candidati, perché molte di queste candidature provengono da un ceto politico navigato in termini di consenso. È molto improbabile che una quota significativa di siciliani abbia votato Lega per un’identificazione a livello nazionale. Piuttosto ha votato i suoi candidati”.

Qual è stato l’errore maggiore del Pd siciliano?
“Non c’è stata una azione rivolta a contenere il fenomeno palesato alle regionali. Si è continuato a rincorrere ceto politico proveniente da altre aree anziché provare a ricostruire a sinistra. E alla fine quel sistema bipolare, quel voto utile che ti ha caratterizzato per anni, diventa un boomerang. Il bipolarismo è rimasto, ma chi ha voluto contrastare la destra, ha espresso il proprio voto utile in favore dei Cinque Stelle. Insomma, il bipolarismo è rimasto, ma la sinistra non ne fa più parte”.

Morti Bianche in Sicilia, Alessandro Aricò: "Verificheremo ipotesi prepensionamento per i lavoratori a lungo esposti all'amianto"

Morti Bianche in Sicilia, Aricò: “Verificheremo ipotesi prepensionamento per chi esposto all’amianto”

"L'appello lanciato dall'Osservatorio nazionale Amianto merita una risposta immediata delle istituzioni politiche e pertanto avrà il massimo sostegno da parte nostra: verificheremo la possibilità di portare al Consiglio dei ministri un atto di indirizzo che preveda il prepensionamento dei lavoratori ...
Leggi Tutto
La via dei Librai, presentata la terza edizione a Palermo: 60 stand, 3 isole letterarie e 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto

La via dei Librai, presentata la terza edizione: 60 stand e 3 isole letterarie

Terza edizione, 60 stand, 3 isole letterarie (Leonardo Sciascia: piazza Bologni, Vincenzo Consolo: piano della Cattedrale, Salvatore Quasimodo: via Collegio di Giusino), 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto, 1 km di passione, di ...
Leggi Tutto
Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura

Lomonte: “Non c’è alcuna crisi idrica, agricoltori colpiti per mancanze di idee della Regione”

Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura: "Non c’è alcuna crisi idrica, e gli agricoltori non possono essere colpiti per la mancanza di idee ...
Leggi Tutto
Amianto killer in Sicilia, Filippo Virzì portavoce dell'Ugl Sicilia: "Determinante l'operato dell'Ona. Politica troppo timida sull'argomento"

Amianto, Filippo Virzì (Ugl): “Determinante l’operato dell’Ona”

"I dati snocciolati da Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), in occasione del convegno di stamani sono a dir poco agghiaccianti, 600 decessi per patologie legate all’amianto nel 2017, dice tutto, è un dato che deve farci riflettere profondamente". Così ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest