Sorpresa, la mafia non vota più…

“È una vera e propria rivoluzione delle geografia politico elettorale”. Non ha dubbi il politologo Giancarlo Minaldi, che proprio dalle pagine del Gazzettino, all’indomani delle regionali siciliane tracciava i motivi per cui la sinistra nell’Isola aveva scelto di votare Cinque Stelle e che oggi conferma quell’analisi alla luce dei primi dati sul voto siciliano alle politiche.

Ma la mafia non vota più?
“Certamente il vincolo clientelare è stato molto inferiore rispetto ad altre tornate elettorali. È ancora presto per poter analizzare i dati, ma è chiaro che il meccanismo alla base del Rosatellum che istituisce i collegi uninominali, ma contemporaneamente mantiene il paracadute, ha disincentivato la campagna elettorale nei territori e la mobilitazione di meccanismi più tipicamente clientelari”.

Insomma, il voto ai Cinque Stelle è un voto libero.
“In nessuna scienza sociale si può avere una certezza assoluta, ma è chiaro che quello ai Cinque Stelle è un voto d’opinione, non fondato sui meccanismi del consenso clientelare”.
Questa è una novità: in Sicilia prevale il voto d’opinione rispetto a quello clientelare.
“Agli uninominali si sarebbe dovuta fare una campagna elettorale spalla a spalla, che è stata invece inficiata dal paracadute, dalla possibilità cioè di candidarsi in altri 4 collegi plurinominali, per cui i candidati agli uninominali di fatto non sono andati a cercare gli elettori come in una competizione territoriale. Questo ha sicuramente indebolito la mobilitazione clientelare, come in parte già avvenuto alle regionali”.

Solo che rispetto alle regionali l’emorragia a sinistra è stata maggiore.
“Quando alle regionali la sinistra ha scoperto che c’era un evidente flusso in uscita verso i Cinque Stelle, avrebbe dovuto fare di più per riavvicinare il proprio elettorato”.

Dopo questo disastro da dove deve ripartire il Pd in Sicilia?
“Esattamente dalla direzione opposta rispetto a quella seguita fino a qua. Parlo del partito democratico, ma anche di Liberi e Uguali”.

Perché i siciliani hanno votato la Lega?
“Quel 5 per cento della Lega in Sicilia va osservato anche a partire dai candidati, perché molte di queste candidature provengono da un ceto politico navigato in termini di consenso. È molto improbabile che una quota significativa di siciliani abbia votato Lega per un’identificazione a livello nazionale. Piuttosto ha votato i suoi candidati”.

Qual è stato l’errore maggiore del Pd siciliano?
“Non c’è stata una azione rivolta a contenere il fenomeno palesato alle regionali. Si è continuato a rincorrere ceto politico proveniente da altre aree anziché provare a ricostruire a sinistra. E alla fine quel sistema bipolare, quel voto utile che ti ha caratterizzato per anni, diventa un boomerang. Il bipolarismo è rimasto, ma chi ha voluto contrastare la destra, ha espresso il proprio voto utile in favore dei Cinque Stelle. Insomma, il bipolarismo è rimasto, ma la sinistra non ne fa più parte”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto