Salerno (Sicindustria): “Il successo di Cinquestelle e Lega non può stupire”.

“Era nell’aria, per troppo tempo i siciliani si sono sentiti vessati e maltrattati”. Udite, udite perché senza una pronta e opportuna precisazione il titolo sarebbe già fatto: “Sicindustria grillina”. La risata di Nino Salerno, delegato all’internazionalizzazione della Confindustria siciliana, riporta tutto in un ambito meno trasgressivo. “La mia è solo un’analisi del momento che viviamo – sottolinea – noi non facciamo il tifo per nessuno. Mi limito ad osservare che di fronte ad un fenomeno così rilevante è opportuno interrogarsi su ciò che lo ha provocato”.

Secondo Sicindustria ci sarà un nuovo governo o si tornerà a votare a stretto giro di posta?
“Noi speriamo sempre che ci sia un governo vero perché viviamo in un contesto europeo e qualsiasi soluzione tampone darebbe il segno di un Paese che va a fondo. Toccherà, ovviamente, al presidente Mattarella individuare la soluzione migliore e siamo certi che anche questa volta saprà agire per il bene dell’Italia”.

Cosa chiedereste al nuovo governo?
“La prima riforma dovrebbe riguardare la sburocratizzazione dello Stato. Non è normale che per avviare un’attività d’impresa si debba attendere tutto questo tempo. Non si comprende che rappresenta un forte disincentivo anche e soprattutto per le start up. I giovani, anche in questo campo, vanno incoraggiati perché rappresentano il futuro della nostra economia e la fonte della nuova occupazione”.

Come si spiega il successo della Lega di Salvini anche al sud?
“È il più classico dei voti di protesta, un segnale preciso che bisogna cambiare”.


Widget not in any sidebars