Dal 5 al 9 marzo arriva il superlinguaggio per gli italiani che non parlano

La Caa (Comunicazione Aumentativa Alternativa) è il nome del superlinguaggio che aiuta più di 800 mila italiani che hanno difficoltà o sono impossibilitati a parlare. In Italia sono previsti consulti medici dal 5 al 9 marzo contattando la Federazione Logopedisti Italiani (Fli).

Questo metodo alternativo di comunicare mette insieme più modalità di comunicazione affiancate dalla tecnologia. “Un mondo variegato e complesso – spiega Tiziana Rossetto, presidente Fli – che comprende l’uso di tabelle di immagini, tabelle di lettere, gesti, oggetti, dispositivi ad uscita vocale, a volte in modo multimodale”. 

Questa forma di apprendimento può essere d’aiuto a bambini e adulti che hanno disabilità congenita, una disabilità acquisita o un disturbo degenerativo.

La Federazione Logopedisti Italiani si può contattare tramite il loro sito web (www.fli.it) oppure tramite la pagina Facebook.