Storia del voto negato a Chiara, insegnante agrigentina, precaria e fuori sede

Il volo viene cancellato e votare diventa impossibile per Chiara, professoressa precaria trentaduenne di Agrigento che insegna a San Donà di Piave, in provincia di Venezia. la giovane insegnante aveva comprato un biglietto dalla compagnia Ryanair per la tratta Treviso-Palermo, orario di partenza previsto 22:20, per arrivare in Sicilia ed esprimere la propria preferenza alle elezioni del 4 marzo.

Chiara è arrivata all’aeroporto intorno alle 20.30. E subito i segnali non sono stati dei più confortanti: “Avevano già cancellato un volo per Catania. Ho tirato un sospiro di sollievo nell’apprendere che non era quello per Palermo, ma non sapevo ancora cosa mi aspettava”. Mentre assisteva alle rimostranze di questi passeggeri, ecco che le arriva un messaggio sullo smartphone. Poche righe dal significato inequivocabile: ‘Ci dispiace informarla della cancellazione del volo Ryanair FR2311 del 02-03-2018. Per chiedere un rimborso o cambio volo gratuito (e il link per farlo)’. In pochi attimi Chiara ha realizzato: non avrebbe potuto votare. Non c’erano, infatti, altri voli per tornare in Sicilia in tempo in tutto il Veneto: “A chi doveva recarsi nell’isola la compagnia aerea ha offerto una stanza d’albergo e un altro biglietto aereo, ma da altre regioni. A noi un’impiegata dell’aeroporto ha soltanto suggerito, informalmente, di chiedere il rimborso del biglietto”.

La giovane professoressa precaria aveva anche provato in precedenza a informarsi se vi fosse la possibilità di esprimere la preferenza dal Veneto, ma niente. “Sia l’ufficio elettorale di Venezia che quello di Agrigento mi hanno risposto che l’unico modo per votare era andare in Sicilia e che farlo in una sezione che non sia la propria è consentito soltanto alle persone ricoverate in ospedale e ai militari, questi ultimi perché svolgono un servizio pubblico. E no insegnanti, mi chiedo?”.

A Chiara non è rimasto altro da fare che chiamare un amico per farsi riaccompagnare a casa, a Venezia: “A quell’ora di sera – spiega – non c’erano più autobus né treni da Treviso e un taxi sarebbe costato troppo”. Come dire, vada per il danno, ma almeno eviterò la beffa di rimetterci altri soldi. Restano i sentimenti di una giovane che avrebbe voluto votare e non ha potrà farlo: “Provo rabbia e allo steso tempo mi sento disillusa – conclude – non è concepibile che non si possa esercitare il proprio diritto di cittadina per queste mancanze”.

 

 

Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto