Strade dissestate, associazioni diffidano il Comune di Palermo. Sul banco degli imputati la fibra ottica (foto)

Due diffide al Comune di Palermo per ripristinare il manto stradale dissestato in alcune vie della città e in particolare quello danneggiato a causa dei lavori per l’installazione della fibra ottica. Le due lettere inviate all’amministrazione sono partite dallo studio legale dell’avvocato Alberto Daidone. Il legale ha ricevuto mandato da diverse associazioni – l’Associazione Comitati Civici di Palermo, presieduta da Giovanni Moncada, il Comitato Civico per Pagliarelli, il Comitato Civico per Villagrazia, l’associazione Pro Loco Nostra Donna del Rotolo Vergine Maria e il Comitato Bonafede Russia – insieme ad alcuni cittadini che abitano nelle vie per le quali si denunciano i disagi. 

      

In particolare, la prima diffida riguarda via Altofonte, tra il civico 180 e il ponte Grazia sul Fiume Oreto e nel tratto tra via Olio di Lino e viale Regione Siciliana, in cui si presentano “buche e avvallamenti frequenti, nonché tombini sotto quota”, si legge nella lettera inviata al Comune. Buche anche a piazza Ottavio Ziino nel tratto stradale di fronte all’assessorato regionale alla Sanità, in via Sammartino, nel tratto tra via Catania e via Dante, nella stessa via Catania e in Corso Alberto Amedeo. Ancora, si segnala il dissesto di alcune strade: via Castelforte, il Corso Tukory e la via Castrofilippo. Un discorso a parte merita via Malaspina, dove, si legge, “l’asfalto manca del tutto in corrispondenza dell’ingresso al cantiere del consorzio Sis per il raddoppio del Passante Ferroviario di Palermo”.

Nella seconda diffida, messi all’indice da associazioni e residenti i disagi creati dai lavori per l’installazione dell’open fiber: “lungo parecchi vie del palermitano la fibra ottica risulta stesa e ricoperta con materiale che col tempo si è sbriciolato – si legge nella lettera a firma dell’avvocato Daidone – e l’acqua piovana ha addirittura trasportato il materiale di risulta lungo l’intero tratto stradale rendendolo pericolosamente scivoloso e causando nei tratti di scavo buche che, oltre ad essere di per sé pericolose, con la pioggia divengono invisibili”. In questo caso le strade inserite nell’elenco sono le vie Adolfo Holm, Ludovico Ariosto (all’angolo con via Sciuti), via Claudio Monteverdi (all’angolo con via Boito), via Umberto Maddalena, via Castelforte, via Paruta, via Emilia, via Liguriavia Savonarola e via Evangelista Di Blasi.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto