Per parlare alla pancia, occorre che la voce venga dalla pancia, come per il ventriloquo di Radio Days

È partito il countdown per il grande spettacolo della mezzanotte del 4 marzo. La piazza mediatica è affollata da molta gente, ma non tutti aspettano quel minuto con il medesimo stato d’animo.
Ogni primo gennaio tutti fingiamo o, comunque, accettiamo di essere felici e fiduciosi. Ci mischiamo ad una folla variopinta ed eccitata partendo dalla convinzione che per un minuto almeno saremo tutti fratelli, tutti uniti nella gioia e nella speranza. Ci mettiamo buffi copricapo, fiondiamo le stelle filanti, ci abbracciamo anche con il panellaro all’angolo o con la vicina della cognata. Tutti siamo o fingiamo di accingerci a iniziare un anno migliore di quello che ci siamo lasciati dietro. E quindi brindiamo con bicchieri di plastica non riciclabile come fossero “lieti calici”, flûte di baccarat, magari ricolmi di Cinzano frizzante dolcetto.
Ma all’appuntamento con Vespa o Mentana alla mezzanotte del 4 marzo il pezzo di umanità interessata andrà con differenti interessi e con contrastanti sensazioni. Ci sarà una parte che da tempo ha deciso di non godere di un diritto democratico.
Un’altra parte è incerta, delusa, non informata sufficientemente sul se o perché mettere una crocetta su un simbolo. Infine c’è la parte che ha deciso; che sa quale simbolo preferire, vuoi per nobili e precisi motivi, vuoi per quello “scambio di prestazioni” che, soprattutto nel Mezzogiorno, è molto diffuso.
E’ a questo segmento che voglio riferirmi. E’ una parte numerosa e accanita. Grida, insulta, esulta, suda, si appassiona, si aggrappa al sogno da biglietto di lotteria. Onestamente c’è da dire che questo fenomeno non è la causa della confusione e del degrado pericoloso del sistema politico e istituzionale che l’Italia attraversa; ma è l’effetto della venticinquennale paralisi della politica italiana (la cosiddetta Seconda Repubblica nata da Mani Pulite e dalla caduta del Muro di Berlino). E’ il movimentato esercito del “uno vale uno che è uguale a uno non vale nessuno”. E’ la costellazione di stelle che ha acquistato visibilità in modo inversamente proporzionale alle condizioni visive del cielo della politica. [Leggi tutto]

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu riscuotendo ampi e rilevanti consensi da parte dei lavoratori

Cisl Fp primo sindacato alle Rsu di Palermo e Trapani

La Cisl Fp Palermo Trapani si conferma il sindacato più votato alle elezioni delle Rsu svoltesi il 17, 18 e 19 aprile 2018. Mentre sono ancora in corso le operazioni di scrutinio, dai primi risultati emersi, la federazione della Cisl che ...
Leggi Tutto

Rock10elode, torna il contest musicale dedicato alla band in erba

Se c’è un contest musicale che dal 2006 ad oggi ha aiutato a valorizzare i giovani artisti in erba provenienti dai licei siciliani, quel contest è Rock10elode. Dopo la pausa dello scorso anno, servita però a dare vita al progetto-costola ...
Leggi Tutto

Anm e Miur insieme per la Notte bianca della legalità

Promuovere una cultura dei diritti, educare i più giovani a un ruolo attivo nella vita civile e democratica, trasmettere i valori della giustizia: sono gli obiettivi della “Notte bianca della legalità”, iniziativa promossa e realizzata dall'Associazione Nazionale Magistrati e dal ...
Leggi Tutto
Bagheria, un immobile confiscato alla mafia destinato alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria e alla segreteria tecnica del progetto Contratto di Fiume

Bagheria, bene confiscato alla mafia nuova sede della Casa del Volontariato e della segreteria di Contratto di Fiume

Con la deliberazione n.84 del 18 aprile la Giunta municipale di Bagheria ha approvato un atto di indirizzo con il quale ha destinato l’immobile, confiscato alla mafia, di via Cherubini 10 alla Casa del Volontariato e della Solidarietà di Bagheria ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest