Per parlare alla pancia, occorre che la voce venga dalla pancia, come per il ventriloquo di Radio Days

È partito il countdown per il grande spettacolo della mezzanotte del 4 marzo. La piazza mediatica è affollata da molta gente, ma non tutti aspettano quel minuto con il medesimo stato d’animo.
Ogni primo gennaio tutti fingiamo o, comunque, accettiamo di essere felici e fiduciosi. Ci mischiamo ad una folla variopinta ed eccitata partendo dalla convinzione che per un minuto almeno saremo tutti fratelli, tutti uniti nella gioia e nella speranza. Ci mettiamo buffi copricapo, fiondiamo le stelle filanti, ci abbracciamo anche con il panellaro all’angolo o con la vicina della cognata. Tutti siamo o fingiamo di accingerci a iniziare un anno migliore di quello che ci siamo lasciati dietro. E quindi brindiamo con bicchieri di plastica non riciclabile come fossero “lieti calici”, flûte di baccarat, magari ricolmi di Cinzano frizzante dolcetto.
Ma all’appuntamento con Vespa o Mentana alla mezzanotte del 4 marzo il pezzo di umanità interessata andrà con differenti interessi e con contrastanti sensazioni. Ci sarà una parte che da tempo ha deciso di non godere di un diritto democratico.
Un’altra parte è incerta, delusa, non informata sufficientemente sul se o perché mettere una crocetta su un simbolo. Infine c’è la parte che ha deciso; che sa quale simbolo preferire, vuoi per nobili e precisi motivi, vuoi per quello “scambio di prestazioni” che, soprattutto nel Mezzogiorno, è molto diffuso.
E’ a questo segmento che voglio riferirmi. E’ una parte numerosa e accanita. Grida, insulta, esulta, suda, si appassiona, si aggrappa al sogno da biglietto di lotteria. Onestamente c’è da dire che questo fenomeno non è la causa della confusione e del degrado pericoloso del sistema politico e istituzionale che l’Italia attraversa; ma è l’effetto della venticinquennale paralisi della politica italiana (la cosiddetta Seconda Repubblica nata da Mani Pulite e dalla caduta del Muro di Berlino). E’ il movimentato esercito del “uno vale uno che è uguale a uno non vale nessuno”. E’ la costellazione di stelle che ha acquistato visibilità in modo inversamente proporzionale alle condizioni visive del cielo della politica. [Leggi tutto]

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto