Palermo, processo per disastro ambientale: prescrizione per Orazio Colimberti in Appello

Si conclude con un nulla di fatto il processo per disastro ambientale, avvelenamento di acque, deposito incontrollato di rifiuti, discarica abusiva e traffico di rifiuti che vedeva imputato, tra gli altri, l’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata. In appello sono stati dichiarati prescritti i reati contestati all’unico imputato condannato in primo grado: Orazio Colimberti. Colimberti aveva avuto tre anni. Per il resto la Corte ha confermato la sentenza del tribunale che aveva in parte assolto, oltre a Cammarata, i vertici e una serie di funzionari dell’Amia, la società che gestisce la raccolta dei rifiuti, e in parte dichiarato prescritte le accuse loro rivolte.

L’indagine aveva ad oggetto lo sversamento di percolato nella discarica di Bellolampo. Oltre all’ex sindaco e a Colimberti, erano imputati l’ex liquidatore dell’Amia Gaetano Lo Cicero, difeso dall’avvocato Fabrizio Biondo, a cui era stato contestato anche l’abuso d’ufficio. Secondo i pm avrebbero rimosso illegittimamente il direttore della discarica, Giovanni Guicciardi, contrario alla gestione dei vertici Amia. Imputati anche l’ex presidente del consiglio di amministrazione della societa’, Vincenzo Galioto, l’ex direttore generale dell’Amia Nicolo’ Gervasi difeso dall’avvocato Giuseppe Piazza, e i tecnici della societa’ Aldo Serraino, Pasquale Fradella, Antonino Putrone, Fabrizio Leone, assistito dall’avvocato Roberta Pezzano, Luigi Graffagnino, Mario Palazzo. Tutti scagionati dal tribunale. Il procedimento nasce da un’inchiesta sullo sversamento di percolato e la sua infiltrazione nelle falde acquifere nella discarica di Bellolampo. Nel 2013 la discarica fu anche sequestrata.

Al centro dell’indagine, la formazione dell’enorme lago di percolato, il liquido rilasciato dai rifiuti altamente inquinante, che si è formato nell’impianto di smaltimento palermitano di Bellolampo. Dalle analisi chimiche era emerso che il percolato si era infiltrato nelle falde acquifere e in quattro pozzi privati della zona in cui vennero trovate tracce di solfiti, nitrati e metalli. Il liquame, inoltre, tracimato a valle, avrebbe inquinato il torrente Celona che alimenta il canale Passo di Rigano, le cui acque finiscono nel mare del quartiere Acquasanta.

Morti Bianche in Sicilia, Alessandro Aricò: "Verificheremo ipotesi prepensionamento per i lavoratori a lungo esposti all'amianto"

Morti Bianche in Sicilia, Aricò: “Verificheremo ipotesi prepensionamento per chi esposto all’amianto”

"L'appello lanciato dall'Osservatorio nazionale Amianto merita una risposta immediata delle istituzioni politiche e pertanto avrà il massimo sostegno da parte nostra: verificheremo la possibilità di portare al Consiglio dei ministri un atto di indirizzo che preveda il prepensionamento dei lavoratori ...
Leggi Tutto
La via dei Librai, presentata la terza edizione a Palermo: 60 stand, 3 isole letterarie e 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto

La via dei Librai, presentata la terza edizione: 60 stand e 3 isole letterarie

Terza edizione, 60 stand, 3 isole letterarie (Leonardo Sciascia: piazza Bologni, Vincenzo Consolo: piano della Cattedrale, Salvatore Quasimodo: via Collegio di Giusino), 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto, 1 km di passione, di ...
Leggi Tutto
Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura

Lomonte: “Non c’è alcuna crisi idrica, agricoltori colpiti per mancanze di idee della Regione”

Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura: "Non c’è alcuna crisi idrica, e gli agricoltori non possono essere colpiti per la mancanza di idee ...
Leggi Tutto
Amianto killer in Sicilia, Filippo Virzì portavoce dell'Ugl Sicilia: "Determinante l'operato dell'Ona. Politica troppo timida sull'argomento"

Amianto, Filippo Virzì (Ugl): “Determinante l’operato dell’Ona”

"I dati snocciolati da Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), in occasione del convegno di stamani sono a dir poco agghiaccianti, 600 decessi per patologie legate all’amianto nel 2017, dice tutto, è un dato che deve farci riflettere profondamente". Così ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest