Montevago aggiunge “Terme” al proprio nome, applicata nuova legge regionale

Montevago, piccolo comune in provincia di Agrigento conosciuto per la sua sorgente di acqua sulfurea, aggiunge la parola Terme alla propria denominazione. E questo grazie a una delibera consiliare, approvata ieri, che vede l’applicazione della nuova legge regionale varata nelle settimane scorse all’Ars per i comuni sede di insediamenti o bacini termali. Montevago Terme entra a far parte così dell’Associazione Nazionale Comuni Termali (Ancot), che conta 46 comuni che rappresentano una parte importante del termalismo italiano.

Una modifica fondamentale “per il rilancio del turismo nel nostro territorio – ha dichiarato il sindaco della cittadina Margherita La Rocca Ruvolo – in considerazione del fatto che sono sempre di più i turisti attratti da itinerari legati alla natura e al benessere”. D’altra parte, “il termalismo – ha aggiunto il primo cittadino – rappresenta una grande opportunità per Montevago e per la zona del Belìce”, che si va ad aggiungere ad altre caratteristiche del territorio che vanno “dal patrimonio culturale e ambientale alle eccellenze enogastronomiche”.