Mafia, scarcerate 21 delle 58 persone arrestate nel blitz di Agrigento

Di nuovo liberi 21 dei 58 presunti boss ed estorsori agrigentini, arrestati su disposizione della Dda di Palermo, nel più grande blitz mai fatto nella provincia di Agrigento, lo scorso 22 gennaio. È quanto deciso dal Tribunale dei Riesame, che si è preso 45 giorni per il deposito della motivazione dei provvedimenti. Prima di allora la Procura non potrà ricorrere in Cassazione. Tutto questo nonostante decine di vittime del racket abbiano confermato di aver subito estorsioni.

Non solo. Giuseppe Quaranta, ex capomafia di Favara, rimasto invece in carcere, dalla fine di gennaio avrebbe cominciato a collaborare con i magistrati, ammettendo di aver ricoperto un ruolo di vertice nel clan fino al 2013-2014. Inoltre, avrebbe raccontato di estorsioni e di traffico di stupefacenti, indicando i capimafia della provincia.

Tra gli scarcerati, nomi eccellenti di Cosa Nostra come i boss Raffaele Fragapane, Antonino Vizzì, Giuseppe Vella, Luigi Pullara e Giuseppe Blando. Intanto le udienze al Tribunale del Riesame continuano e, a quelle già eseguite, potrebbe aggiungersi nuove scarcerazioni.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto