Pioggia di critiche su Libero: “Siciliani fannulloni? Pagina vergognosa”

Pioggia di critiche sull’apertura che questa mattina il quotidiano Libero diretto da Vittorio Feltri dedica alla Sicilia. Il titolo non lascia dubbi all’interpretazione: “L’Inps stipendia 9000 fannulloni, poi non ha i soldi per i pensionati”. Feltri affida a Renato Farina il biglietto da visita del quotidiano nelle edicole questa mattina, attaccando la protesta dell’assessore regionale Mariella Ippolito, incatenata all’Inps per gli stipendi di Pip e Asu.

Secondo il deputato di Liberi e Uguali, Erasmo Palazzotto, si tratta di “un’altra pagina vergognosa, questa volta contro i lavoratori precari siciliani descritti come fannulloni e criminali”.

“L’intemerata contro questi lavoratori – sottolinea il candidato alla Camera di LeU a Palermo – è stata affidata ad una firma illustre del foglio berlusconiano: Renato Farina, noto come l’agente “Betulla”, quello che creava falsi dossier per i servizi segreti e che per questo è stato cacciato dall’ordine dei giornalisti”.

“Il primo razzismo non si scorda mai: Feltri, oltre ai soliti articoli contro i migranti – prosegue Palazzotto – è tornato al primo amore scagliandosi contro la Sicilia e i Siciliani, cioè coloro che hanno pagato il prezzo più alto alla crisi economica di questi anni. La vera vergogna è che questi lavoratori siciliani siano ancora condannati alla precarietà perché la politica non si è mai assunta la responsabilità di stabilizzarli”.

“Berlusconi, Salvini e Meloni – conclude il parlamentare di LeU – continuano a venire in Sicilia a fare promesse mirabolanti, salvo poi lasciare a Feltri il compito di aizzare italiani contro italiani”.

Critiche anche dal senatore Mdp Francesco Campanella, secondo cui “questa pessima campagna elettorale si sta caratterizzando per mancanza di nuove idee e per l’abbondanza di chiacchiere da venditori di fumo e per la demonizzazione dell’altro. La cosa peggiore è che oltre a prendere come obiettivo polemico altri esponenti politici, la destra sta puntando le sue armi contro persone indifese. Ha iniziato contro i migranti e adesso continua con gli Lsu. Report in una sua puntata ha messo in luce il dramma di queste persone, che lavorano da circa vent’anni per le amministrazioni pubbliche pagati da 580 euro al mese di sussidio e senza alcun accantonamento previdenziale, visto che formalmente risultano disoccupati. Senza di loro molti comuni potrebbero chiudere. Definirli fannulloni, come si legge sul quotidiano Libero di oggi è aggiungere al danno serio fatto alla loro vita dalla politica anche l’onta dell’offesa a mezzo stampa. Non si fa politica così. Neanche in una campagna elettorale brutta come questa”.

Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto