Dal Pd palermitano critiche a Renzi sulla scuola. Altadonna: “L’ha tradita”

Renzi ha tradito la scuola. In prima persona aveva ammesso che nell’applicazione dei decreti attuativi relativi alla legge 107/15 (cd Buona Scuola) erano stati commessi degli errori. Ha testualmente affermato: ‘ora è necessario riaprire un confronto con il mondo della scuola’”. Così Salvo Altadonna docente siciliano e dirigente PD del capoluogo.

“Abbiamo, convintamente detto che l’impianto della legge 107/15 era perfettibile e che la riuscita della riforma era legata all’elaborazione dei decreti attuativi in modo da non creare fratture e sperequazioni nel già delicato equilibrio del mondo Scuola. Dopo le dichiarazioni di Renzi – continua Altadonna – abbiamo lavorato costantemente con l’allora sottosegretario Davide Faraone che in più occasioni e pubblicamente si era impegnato e trovare soluzioni concrete ai temi più scottanti, primo tra tutti quello degli effetti devastanti che l’algoritmo utilizzato per la fase di immissione in ruolo straordinaria aveva creato”.

Di tutto si è discusso – prosegue Altadonna – tranne che delle migliaia di madri strappate ai propri figli. Questa e tante altre questioni hanno lacerato il mondo della scuola compromettendo in modo quasi irreversibile il rapporto con il PD e con i suoi militanti. Nei prossimi giorni organizzeremo un’assemblea al fine di chiarire cosa è il PD e cosa invece esponenti come l’onorevole Faraone lo hanno fatto diventare”.