Le liti all’Ars e la campagna elettorale sullo sfondo

In molti prevedono il terremoto politico per il prossimo 5 marzo, il day after delle elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento nazionale. Intanto le prime traballanti scosse cominciano ad avvertirsi. Galeotto il ko della maggioranza in Prima commissione, ma non solo. Ieri, infatti, si è riunita la commissione Affari Istituzionali per discutere il disegno di legge che avrebbe consentito ai sindaci dei comuni sotto i tremila abitanti di candidarsi fino a tre mandati consecutivi (al momento la legge ne consente solo due, ndr). A votare contro, sei deputati dell’opposizione, più Vincenzo Figuccia, ufficialmente ancora nella maggioranza, ma considerato a tutti gli effetti una “scheggia impazzita” dopo l’addio alla giunta di governo. Immediata la stilettata del capogruppo di Forza Italia, Giuseppe Milazzo, che senza giri di parole definisce “scandaloso” che “per colpa di deputati eletti tra le fila del centrodestra oggi si è bocciato un disegno di legge che aiuta i piccoli Comuni ad avere un proprio rappresentante”.

Secondo Milazzo sarebbe “sotto gli occhi di tutti che, a causa delle condizioni di grande difficoltà in cui versano i Comuni, oggi sia difficile trovare amministratori esperti e disponibili a candidarsi. È scandaloso che esponenti del PD, i quali vantano mandati che vanno ben oltre le 3 legislature, di fatto vietano ai Sindaci di candidarsi per la terza volta”.

Ma per un capogruppo forzista che attacca, ecco un altro capogruppo, questa volta dem, evidenzia la “sfaldatura della maggioranza”. Giuseppe Lupo aggiunge anche che “è grave che la maggioranza abbia respinto la richiesta del Pd e di altri deputati di sentire in commissione il parere dell’Anci, in rappresentanza dei Comuni, prima di procedere alla votazione testo”.

E se Lupo rivendica il risultato di aver bocciato la norma perché non era stata sentita l’Anci, ecco un altro dem, Leoluca Orlando, che proprio in qualità di presidente dell’Anci dice la sua, esprimendo la propria “contrarietà rispetto alla decisione assunta di bocciare, senza un adeguato confronto, la norma”.

Insomma, frizioni e sconfessioni reciproche, all’interno tanto del centrodestra, quanto nel centrosinistra. Sullo sfondo, fuori dal Palazzo dorato della politica siciliana, la campagna elettorale per le politiche. E quella stilettata, che non è sfuggita ai più, di Marianna Caronia su una legge elettorale definita “obbrobriosa”. Una stilettata che segue ai rumors d’inizio anno sulla papabile candidatura di Caronia alle Politiche. Candidatura che alla fine non è andata in porto e che secondo molti farebbe da preludio a un ingresso della parlamentare palermitana tra le fila sempre più popolate delle “schegge impazzite” della maggioranza. Proprio come Figuccia. O anche come Cateno De Luca. O ancora come Tony Rizzotto.

Scosse di assestamento, appunto. In vista del previsto e prevedibile terremoto politico del 5 marzo. Una data che appare a tutti gli effetti come una resa dei conti non soltanto in casa Pd, con la lotta intestina tra partigiani e renziani.

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto