Giuseppe Antoci “ringrazia” Musumeci: “Mi ha fatto capire da che parte sta…”

È diventato uno dei simboli dell’antimafia moderna attraverso la sua lotta alla cosiddetta “mafia dei pascoli”, che gli è costata diverse minacce e un attentato con colpi di armi da fuoco diretti verso la sua auto blindata nella notte del 18 maggio del 2016: un agguato che solo grazie all’intervento del vice questore Daniele Manganaro, che stava seguendo l’auto, non si è trasformato in tragedia. Ma tutto questo non è bastato a Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi, per riuscire a sfuggire allo spoils system.

A pochi mesi dalla fine del suo mandato, che sarebbe scaduto il prossimo ottobre, il presidente della Regione Nello Musumeci gli ha revocato l’incarico. E in una lunga lettera con la quale Antoci ha ringraziato chi gli è stato vicino in questi anni, l’ormai ex presidente del Parco dei Nebrodi non risparmia un attacco diretto a chi ha deciso di rimuoverlo dalla sua posizione. “È con il grazie che ho iniziato questa riflessione ed è con il grazie che voglio chiuderla, ringraziando inoltre il Presidente della Regione Siciliana On. Nello Musumeci che, attraverso la mia rimozione e il relativo commissariamento del Parco dei Nebrodi, mi ha fatto comprendere, in maniera inequivocabile, da quale parte sta“.

Proponiamo la lettera di Giuseppe Antoci in versione integrale:

“Grazie,
sono stati anni intensi, a tratti difficili, ma pieni di amore e di passione.

L’amore per l’ambiente, per il territorio, per uno sviluppo sostenibile che si percepiva già dall’inizio potesse ripartire.

Sono stati anni di risultati.

Ho assunto la Presidenza del Parco dopo dieci anni di commissariamenti, trovandolo depotenziato, mortificato e considerato, nonostante il valore dei suoi dipendenti e dei suoi dirigenti, un carrozzone.

E siamo partiti.

Insieme ai sindaci, insieme a tutti coloro che hanno voluto dare una mano, a poco a poco verso una strada di crescita, di dignità e di rispetto delle regole. Sì, siamo proprio ripartiti e a poco a poco abbiamo cominciato, insieme, a ritagliarci pezzi di successo che fanno e faranno parte di una storia chiara ed inequivocabile che nessuno potrà oscurare e che ha dimostrato che i Nebrodi, il suo territorio, fatto di gente perbene, di cittadini laboriosi e di amministratori onesti potevano insieme scrivere una nuova pagina di sviluppo, di tutela dell’ambiente, nel rispetto dei principi fondamentali della trasparenza e della legalità.

In questo percorso siamo riusciti a rimettere in moto un pezzo di territorio fra i più belli del mondo al quale sono e rimarrò legato per la vita.

Abbiamo rimesso in un circuito virtuoso tante aziende che, anche attraverso la creazione del marchio Nebrodi Sicily, hanno avuto la possibilità di allargare i loro spazi imprenditoriali, creando anche rapporti con partners stranieri.

Abbiamo portato al centro dell’interesse turistico coloro che vengono in Sicilia a tal punto che nella stagione del 2017, su un campione di 44 differenti nazionalità, si è registrato un aumento esponenziale su tre mete principali: Taormina, Isole Eolie e Parco dei Nebrodi.

Oggi, il valore sotto il profilo del prezzo agli allevatori, per esempio per il suino nero dei Nebrodi, è notevolmente aumentato come si è notevolmente abbassato il livello dei furti e degli abigeati che gli stessi subivano e che, grazie ai controlli nel territorio, hanno ridato serenità alle aziende agricole.

Gli importantissimi incontri internazionali tenutesi al Parco hanno coinvolto le migliori menti ambientali del mondo, facendo diventare il territorio dei Nebrodi fucina di proposte nazionali ed internazionali.

La collaborazione con gli ordini professionali, come ad esempio con l’Ordine dei Geologi, ha consentito al Parco di creare un Centro Studi per il dissesto idrogeologico, esperienza sul piano nazionale effettuata solamente in Liguria, nelle Cinque Terre.

Sono risultati che, uniti alla forte vicinanza delle altre Istituzioni, Prefettura, Forze dell’Ordine, Società Civile e Associazionismo, hanno rappresentato un percorso che oggi si chiude con una semplice parola: GRAZIE.

Grazie a tutti coloro che mi hanno aiutato in questo desiderio di donarmi a un territorio unico, esercitando il mio ruolo senza mai porre steccati politici, ma portato avanti il fondamentale valore dell’ascolto, dell’ascolto nei confronti di tutti, non degli amici degli amici, non degli appartenenti a un partito o ad un altro, ma dell’ascolto aperto e trasparente.

Come ho amato dire io in questi anni, “il Parco come casa di vetro”.

È con questo sentimento che, appresa la notizia dell’esercizio dello Spoils System allargato anche alla Presidenza del Parco dei Nebrodi, attraverso il quale il Presidente Musumeci ha esercitato il suo ruolo commissariando l’Ente, mi accingo a lasciare il mio incarico con la consapevolezza di consegnare al mio successore un Parco sano contabilmente, nuovo nell’immagine e stracolmo di turismo che negli ultimi anni ne ha invertito una tendenza che invece era al ribasso.

Voglio ricordare di questa esperienza solo questi aspetti positivi, lasciando al ricordo e alle notti insonni quelle negative, sperando che un giorno le drammatiche vicende che hanno colpito me, gli uomini della mia scorta, la mia famiglia, la Sicilia e il Paese possano uscire definitivamente dalla nostra mente, evitando di far pensare e riflettere come un uomo che accetta un incarico pubblico e che lo porta avanti fino in fondo facendo niente di più che il proprio dovere, possa finire per questo ucciso in un agguato mafioso.

Ma è con un Grazie che voglio chiudere questa mia riflessione, con un Grazie a tutti, con un Grazie particolare ai 24 Sindaci del Parco e agli ulteriori 23 che hanno fatto richiesta di nuovo ingresso.

A loro e alle loro Comunità va il mio sentito abbraccio, sono stati per me compagni di vita amministrativa, ma soprattutto amici.

Un grazie speciale, infine, voglio dedicarlo alla mia famiglia che insieme a me ha vissuto questi anni bellissimi di impegni e di soddisfazioni, ma anche drammatici e che continua a vivere con me una vita difficile, blindata e di privazioni.

Abbiamo insieme deciso, nel tempo, quale fosse la strada giusta da seguire e l’abbiamo scelta consapevoli dei rischi che correvamo.

Oggi il Protocollo di Legalità è legge dello Stato Italiano e sta salvaguardando tantissime aziende agricole oneste dalla pressione mafiosa e farà percepire i Fondi Europei soltanto alle persone perbene che, grazie e Dio, sono la stragrande maggioranza dei Siciliani e del Paese.

È con il grazie che ho iniziato questa riflessione ed è con il grazie che voglio chiuderla, ringraziando inoltre il Presidente della Regione Siciliana On. Nello Musumeci che, attraverso la mia rimozione e il relativo commissariamento del Parco dei Nebrodi, mi ha fatto comprendere, in maniera inequivocabile, da quale parte sta.

Comunque, nonostante tutto, indietro non si torna… la strada è ormai tracciata… la storia darà il suo verdetto.

Viva il Parco dei Nebrodi, viva la Sicilia, viva il Paese, per il quale continuerò, senza indugi, a lottare con forza e senza sosta, proprio per evitare che si possa indietreggiare… se solo anche di un metro.

Avanti… insieme”.

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto