Doppia preferenza, Caronia contro Milazzo: “Visione palesemente maschilista”

Duro intervento di Marianna Caronia, deputato regionale di Forza Italia, contro Giuseppe Milazzo, capogruppo dello stesso partito a Sala d’Ercole. “Non posso nascondere il mio genuino stupore nell’apprendere che il capogruppo del mio partito, con il quale peraltro in nessuna occasione ho avuto il ‘privilegio’ di confrontarmi e non solo sul tema in questione ma su nessun altro, che l’assurdo e del tutto sbagliato Ddl che prevede l’abrogazione della doppia preferenza di genere sia stato pervicacemente effettivamente presentato nonostante da me e da una gran parte di elettori, donne e uomini di ogni colore politico, clamorosamente respinto. Lo stupore – prosegue Caronia – si è immediatamente trasformato in indignazione nel leggere le motivazioni a sostegno di questa inopportuna iniziativa di cui è stata addirittura richiesta la calendarizzazione con procedura d’urgenza. Non mi sembra che ciò sia quello che attendono con ansia i siciliani”.

E Caronia esplicita l’apprezzamento per l’appoggio avuto da un esponente politico avversario: “Ringrazio il capogruppo di Sinistra Comune a Sala delle Lapidi, Giusto Catania per avermi evitato, avendolo egli fatto egregiamente, di argomentare le ragioni del mio netto dissenso e non lasciandomi quindi altro da fare che farle integralmente mie. Mi sia permesso di aggiungere solamente una considerazione. Il collega Milazzo, nonostante la sua visione palesemente maschilista non credo abbia fatto tutto da solo ma al contrario avrà avuto autorevoli sostenitori”.

“Non si vuole ricordare o si finge di non ricordare – dice Caronia – che gli effetti di leggi elettorali come quella con cui malauguratamente andremo a votare, cosi come tutte le altre che hanno impedito ai cittadini di esprimere il loro voto di preferenza lasciando la scelta ai partiti, ha permesso che molte donne la cui vocazione e la cui competenza in politica erano molto al di sotto della loro avvenenza e del loro fascino, di far parte del Parlamento e in qualche caso del Governo. Tantissime altre invece, forse meno affascinanti ma sicuramente più capaci alle quali è stato vietato l’accesso alle liste elettorali proprio per la mancanza del voto di genere non hanno avuto nessuna opportunità“.

“Continui pure cosi l’onorevole Milazzo – sono ancora le parole di Caronia – e considerata la sua giovane età non escludo affatto che in un futuro, speriamo quanto più vicino possibile, non sia egli a dover chiedere la parità di genere perché se tutti gli uomini, io credo di no, dovessero condividere una cultura e una visione così marcatamente maschilista, saranno loro a sparire dalla scena politica del Paese”.

Trovo peraltro specioso che il M5S venga tirato strumentalmente per la giacchetta – sono le parole della deputata regionale – in quanto in nessuna occasione ho mai sentito una loro posizione contraria alla doppia preferenza. Ho sentito, questo si, esprimere alcune preoccupazioni per un possibile utilizzo scorretto della legge che possa facilitare brogli o l’individuazione del voto. Queste preoccupazioni io li condivido. Occorre quindi come ho già detto – conclude Caronia – migliorare opportunamente la legge per favorire la parità di genere e non buttare via l’acqua sporca con tutto il bambino.

Una lettera con minacce di morte è stata inviata ad Antonio Rubino dei Partigiani Pd: "I fiori li metteranno sulla tua cassa da morto

Pd Sicilia, Rubino: “Sbaglia chi lascia, vera resistenza è rimanere senza piegarsi”

"I Partigiani del PD non sono un'area né una corrente, sono un sentimento. In queste settimane ci hanno detto di tutto, ci hanno chiesto 'chi c'è dietro di noi': la risposta è che dietro di noi c'è il PD, la ...
Leggi Tutto
Premio Mario Petrina, Sabrina Redi e Totò Antibo

Antibo vince ancora: a Sabrina Redi il premio Petrina per il suo articolo sul mezzofondista siciliano

È Sabrina Redi la vincitrice della prima edizione del premio Mario Petrina, dedicato ai giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni, non ancora iscritti all’Albo professionale. “Corri Totò, fallo ancora nonostante tutto” ...
Leggi Tutto
A Palermo, "La voglia, la pazzia" workshop in canto italiano sulle note brasiliane all'Open Jazz con i maestri del progetto musicale "Brasil Fala Italiano"

“La voglia, la pazzia” workshop in canto italiano sulle note brasiliane all’Open Jazz

La voglia, la pazzia, un workshop culturale, creativo, storico, non un semplice laboratorio ma un modo emozionante di ritrovarsi e ascoltarsi attraverso un ponte che collega tutta la musica al jazz. È la musica brasiliana, l'arte dell'incontro e del ritmo che ...
Leggi Tutto
Dall'estero in Sicilia per amore: matrimonio sicilian style con l’evento Buy Wedding International questo weekend al Grand Hotel et Des Palmes

Matrimonio sicilian style, dall’estero in Sicilia per amore: la storia di Bram e Simone

Sono circa 60 mila le coppie di stranieri che scelgono l’Italia per celebrare il loro matrimonio, con un giro di affari che ruota attorno ai 386 milioni di euro. È questo uno dei motivi principali per cui Palermo dedica tre ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest