“Avvocato, taccia. Qui non siamo a Palermo”. Il Giudice di Trento ora chiede scusa

Chiede scusa, con una lettera, il giudice di Trento Carlo Ancona che, lo scorso 19 settembre, nel corso di un’udienza davanti al Tribunale del Riesame di Trento, aveva tolto la parola all’avvocato palermitano Stefano Giordano che stava facendo il suo intervento, dicendogli: “Avvocato, taccia! Qui non siamo a Palermo, questo è un posto civile“. Non solo chiede scusa, ma ha accolto anche la richiesta del difensore di pagare, come risarcimento danno, una borsa di studio a favore di un alunno povero che avrà la possibilità di frequentare l’Istituto Gonzaga di Palermo.

Tutto accadde nell’aula del Tribunale di Trento, quando, durante la discussione, all’avvocato Stefano Giordano era stata tolta la parola dal Presidente, Carlo Ancona, il quale lo aveva così zittito con quella frase. Un episodio subito denunciato dallo stesso Giordano e che era finito pure la Procura generale della Corte di Cassazione che ha aperto un procedimento disciplinare a carico del giudice Ancona. Interpellato dai giornalisti, il giudice Ancona aveva confermato quanto accaduto, ma aveva spiegato che la sua era stata una reazione a un “comportamento scorretto”, e a un presunto “atteggiamento aggressivo” che l’avvocato Giordano avrebbe manifestato. A quel punto, Giordano ritenendosi diffamato, ha intrapreso un’azione civile per il risarcimento “dei danni causati alla sua reputazione e onorabilità dalle affermazioni denigratorie fatte dal giudice Ancona”. Ancona, attraverso il proprio legale, ha contattato l’avvocato Giordano, “nell’auspicio di giungere a una definizione bonaria della vicenda”, come riferisce l’avvocato palermitano. Definizione che è stata perfezionata nei giorni scorsi, attraverso l’erogazione, da parte del giudice Ancona, di una somma a favore dell’Istituto Gonzaga di Palermo, a titolo di contributo per l’educazione di uno studente palermitano non abbiente, in conformità a quanto richiesto dall’avvocato Giordano, nonché mediante l’invio di una formale lettera di scuse, al legale palermitano e alla città di Palermo.

Ho a lungo riflettuto sull’episodio che, purtroppo, ci ha visti protagonisti in occasione dell’udienza dello scorso 19 settembre – scrive Ancona – e da tempo ho maturato la conclusione di dovere rappresentare le mie scuse per il tono e il tenore della frase che ho pronunciato in quella occasione. Le assicuro che considero quella frase – prosegue il giudice Carlo Ancona nella lettera di scuse- non solo infelice nella sua forma, ma anche ingiustificata nel contenuto che è venuta ad assumere, al di là di qualunque mia intenzione e del mio stesso pensiero, che non è mai stato animato né da pregiudizi, tantomeno da ostilità, nei confronti di Palermo, della Sicilia, e degli avvocati”. E conclude: “Ho ritenuto doveroso dare maggiore consistenza ed insieme testimonianza di serietà e di intento alla mia posizione rendendomi disponibile a un gesto di aiuto in favore di un giovane orfano palermitano, con un aiuto economico nella forma di una borsa di studio di un anno”.

Piloni viadotto Morandi, Agrigento

Viadotto Morandi Akragas, sindaco di Agrigento convoca riunione su ipotesi demolizione

L’ipotesi di procedere alla demolizione del viadotto Akragas sulla strada statale che collega il capoluogo agrigentino con Porto Empedocle sarà discussa il prossimo 7 settembre in una riunione convocata dal sindaco di Agrigento Calogero Firetto. Il viadotto fu costruito su ...
Leggi Tutto
Rita Borsellino

Il cordoglio per la scomparsa di Rita Borsellino. Orlando: “Ha trasformato la sua tragedia in impegno civile”

“Provo grandissimo dolore per la scomparsa di Rita Borsellino, che con la sua dolce determinazione ha combattuto tante battaglie non solo di legalità e civiltà nella nostra Isola e nel nostro Paese”. Leoluca Orlando rende così omaggio alla sorella del ...
Leggi Tutto
L'ordine delle cose

Mafia liquida e il film “L’ordine delle cose”, concludono a Scicli “Libero Cinema in Libera Terra”

Obiettivo della rassegna itinerante è rispondere alla violenza mafiosa attraverso la visione di film capaci di stimolare il dialogo e il confronto Si conclude a Scicli (Ragusa), domenica 5 agosto, il viaggio di Libero Cinema in Libera Terra. L’ultima tappa ...
Leggi Tutto

Carini, il 9 agosto lo spettacolo Siciliani sotto le stelle con Stefano Piazza e Marcello Mandreucci

Aspettando che a San Lorenzo le stelle cadenti si facciano ambasciatrici dei nostri desideri, a Carini gli astri nascenti siciliani e le star affermate del territorio ci daranno un anticipo della notte più stellata dell'anno sul palco dell'Anfiateatro Villa Belvedere ...
Leggi Tutto