“Avvocato, taccia. Qui non siamo a Palermo”. Il Giudice di Trento ora chiede scusa

Chiede scusa, con una lettera, il giudice di Trento Carlo Ancona che, lo scorso 19 settembre, nel corso di un’udienza davanti al Tribunale del Riesame di Trento, aveva tolto la parola all’avvocato palermitano Stefano Giordano che stava facendo il suo intervento, dicendogli: “Avvocato, taccia! Qui non siamo a Palermo, questo è un posto civile“. Non solo chiede scusa, ma ha accolto anche la richiesta del difensore di pagare, come risarcimento danno, una borsa di studio a favore di un alunno povero che avrà la possibilità di frequentare l’Istituto Gonzaga di Palermo.

Tutto accadde nell’aula del Tribunale di Trento, quando, durante la discussione, all’avvocato Stefano Giordano era stata tolta la parola dal Presidente, Carlo Ancona, il quale lo aveva così zittito con quella frase. Un episodio subito denunciato dallo stesso Giordano e che era finito pure la Procura generale della Corte di Cassazione che ha aperto un procedimento disciplinare a carico del giudice Ancona. Interpellato dai giornalisti, il giudice Ancona aveva confermato quanto accaduto, ma aveva spiegato che la sua era stata una reazione a un “comportamento scorretto”, e a un presunto “atteggiamento aggressivo” che l’avvocato Giordano avrebbe manifestato. A quel punto, Giordano ritenendosi diffamato, ha intrapreso un’azione civile per il risarcimento “dei danni causati alla sua reputazione e onorabilità dalle affermazioni denigratorie fatte dal giudice Ancona”. Ancona, attraverso il proprio legale, ha contattato l’avvocato Giordano, “nell’auspicio di giungere a una definizione bonaria della vicenda”, come riferisce l’avvocato palermitano. Definizione che è stata perfezionata nei giorni scorsi, attraverso l’erogazione, da parte del giudice Ancona, di una somma a favore dell’Istituto Gonzaga di Palermo, a titolo di contributo per l’educazione di uno studente palermitano non abbiente, in conformità a quanto richiesto dall’avvocato Giordano, nonché mediante l’invio di una formale lettera di scuse, al legale palermitano e alla città di Palermo.

Ho a lungo riflettuto sull’episodio che, purtroppo, ci ha visti protagonisti in occasione dell’udienza dello scorso 19 settembre – scrive Ancona – e da tempo ho maturato la conclusione di dovere rappresentare le mie scuse per il tono e il tenore della frase che ho pronunciato in quella occasione. Le assicuro che considero quella frase – prosegue il giudice Carlo Ancona nella lettera di scuse- non solo infelice nella sua forma, ma anche ingiustificata nel contenuto che è venuta ad assumere, al di là di qualunque mia intenzione e del mio stesso pensiero, che non è mai stato animato né da pregiudizi, tantomeno da ostilità, nei confronti di Palermo, della Sicilia, e degli avvocati”. E conclude: “Ho ritenuto doveroso dare maggiore consistenza ed insieme testimonianza di serietà e di intento alla mia posizione rendendomi disponibile a un gesto di aiuto in favore di un giovane orfano palermitano, con un aiuto economico nella forma di una borsa di studio di un anno”.

Massoneria, il Grande Oriente d’Italia: “Noi non nascondiamo nulla e non distruggiamo gli elenchi”

Dopo la pubblicazione della relazione della Commissione parlamentare Antimafia sugli iscritti alla Libera Muratoria collegati a vario titolo alla mafia, in Calabria e Sicilia, arriva una ulteriore presa di posizione a firma del Gran Maestro Stefano Bisi, con una nota ...
Leggi Tutto

Teatro Libero, aperte le iscrizioni per laboratori dei cast

Aperte le selezioni di attori e attrici per i laboratori dei cast di Teatro Libero. Sono due i laboratori rivolti ad attori e attrici che condurranno alla formazione dei cast del Teatro Libero di Palermo per cui sono state aperte ...
Leggi Tutto

Ponte sullo Stretto, Di Battista: “Berlusconi manda messaggio chiaro alla mafia”

''Berlusconi quando parla di Ponte sullo Stretto sta mandando un messaggio chiaro alla mafia. Qui il problema sono le strade, le ferrovie e le autostrade. La Sicilia l'ho girata la scorsa estate e i problemi sono altri''. Lo ha detto a Messina, ...
Leggi Tutto
Roberto Lagalla

Formazione, Assessorato firma protocollo per la legalità. Lagalla: “Opportunità educativa”

È stato stipulato un protocollo d’intesa tra l’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale e il “Pool antiviolenza e per la legalità dell’Inner Wheel Palermo Normanna”, ONG inserita nell’ECOSOC ROSTER, che esprime quattro rappresentanti all’ONU. L’obiettivo è quello di cooperare per la promozione ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest