Piccolo Teatro Patafisico, dopo sette anni torna “Volevo dirti” con Sabrina Petyx

Sabato 17 febbraio alle 21 e domenica 18 alle 18 al Piccolo Teatro Patafisico andrà in scena “Volevo dirti” di Sabrina Petix per la regia di Giuseppe Cutino, una produzione M’Arte movimenti d’arte e compagnia dell’Arpa. Lo spettacolo torna in scena a Palermo dopo sette anni per la forte richiesta da parte del pubblico.
Un intrigo condominiale. Una storia di passioni: amori traditi, amori negati, impossibili, proibiti, segreti, amori da pagare con il sangue. Voci e parole che si intrecciano e si inseguono come gli strumenti di un quartetto. Quattro donne ai quattro piani di una passione che le accomuna e le divide. Quattro piante carnivore belle e mostruose come lampadari di cristallo, capaci di sorridere e far sorridere davanti al rivelarsi di orrori quotidiani. L’amore le unisce come la vendetta e come la vendetta le rende irrazionali e spietate… quattro donne. Quattro diverse età. Volevo dirti è un’ipnotica danza nell’orrore della quotidianità, nei misteri rimossi dell’amore possessivo. Irene, Agata, Tina e Lucia raccontano la loro passione per uno stesso uomo: un uomo conteso, odiato, sognato, perduto; passione che condurrà verso l’irrimediabile, grazie a un racconto che lentamente rapisce gli spettatori nel suo folle labirinto, che è anche un labirinto visivo, scandito da lunghi (e impressionanti) momenti di immobilità e da vorticosi momenti coreografici, che avviluppano la storia, mescolando la gravità della vicenda con la leggerezza dei ventagli e delle gonne.
Le donne hanno un rapporto spietato col tempo, con il loro e con quello degli altri. Delle altre. È sempre possibile che una donna ti faccia pagare il tempo che abiti, che non ti perdoni la tu giovinezza o la tua vecchiaia. Perché il tempo non è sempre uguale per le donne. Perché il tempo è un nome che si declina al maschile. E questo, purtroppo, è un fatto che per una donna non è facile da dimenticare. Proviene dal profondo sud questa passione erotica divoratrice e sanguinaria, come ci si aspetterebbe. Ma, in maniera del tutto inattesa, lo fa senza stereotipi, anzi insinuandosi nelle pieghe delle nostre sicurezze, soverchiandoci e infine accompagnandoci nelle glaciali e spietate leggi della gelosia e della vendetta, per farci scoprire di essere di fronte non a un folcloristico quadretto siculo, ma agli abissi della nostra coscienza più segreta. Tutto grazie alla straordinaria interpretazione di quattro attrici capaci di penetrare nel cuore degli spettatori, orchestrate dal regista Giuseppe Cutino come strumenti emozionanti ma lucidi, tra profondità psicologiche e rigore del movimento.
“Volevo dirti” è uno spettacolo potente, che non si dimentica facilmente e mostra la maturità della compagnia palermitana M’Arte, che in pochi anni ha saputo affermarsi nel panorama del nuovo teatro italiano, da quando – nel 2003 – ha vinto il Premio Scenario con Come campi da arare.

Ancra Confcommercio: Subito micro aree ecologiche in Sicilia”

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE ...
Leggi Tutto

“Graffiti”, a Palermo workshop di fotografia con gli spagnoli Riccardo Cases e Antonio Xoubanova

Workshop di fotografia a Palazzo Sambuca, a Palermo, con i fotografi spagnoli, di fama internazionale, Riccardo Cases e Antonio Xoubanova. L'evento, dal nome "Graffiti", rientra al'interno della rassegna Outer Circle, che si svolgerà per tutto il periodo della Biennale negli spazi di ...
Leggi Tutto
Il futuro della Sicilia sull'asse Palermo-Roma

Società a controllo pubblico, Armao: “Tema centrale nell’azione di governo”

Nell’ambito del convegno dal titolo -Le società a Controllo Pubblico- che si terrà nell’intera giornata di oggi e di domani a Villa Malfitano a Palermo, nella sessione pomeridiana odierna, con inizio alle ore 14.30, interverrà il Vice Presidente della Regione ...
Leggi Tutto

La Traccia, una spy story con venature esistenziali firmata Luciano Zaami

Perché un antiquario italiano vuole contattare il capo carismatico della resistenza al regime dittatoriale di una capitale europea? Per scoprirlo bisognerà seguire... La Traccia (o quanto meno bisognerà leggerla), il terzo romanzo di Luciano Zaami, scrittore nisseno oggi trapiantato a ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest